Uno Spot Vergognoso

E' da giorni  che su internet e sulle televisioni italiane sta circolando un video vergognoso che a detta degli autori dovrebbe sensibilizzare l'opinione pubblica sull'autismo: questione di punti di vista!

 

Come ci si poteva aspettare il video non è stato accolto bene da molte famiglie di bambini e ragazzi autistici, e sui vari siti e blog sono montate feroci proteste.

E’ stata avviata anche una petizione per bloccare la messa in onda dello spot dove si leggono commenti indignati e scandalizzati. 

Il perchè di questa indignazione generale è facile da spiegare, l’autismo dello spot non è assolutamente rappresentativo dell’autismo che convive nelle migliaia di famiglie italiane, una delle quali è la mia. 

Nello spot appare una madre che con aggressività e molto violentemente inveisce contro il figlio che ha la colpa di essere autistico. Ma oltre ad avere questa gravissima colpa indotta, al ragazzo o bambino che non appare mai nello spot gli viene rinfacciato dalla madre di averlo messo al mondo, di averlo allattato e di non essere stata ringraziata degnamente…neppure con un sorriso. 

Ciliegina sulla torta, alla fine dello spot appare il vero messaggio che si voleva far passare: PARLA… NOI CI SIAMO. 

Ci si chiederà:”Noi chi?” ed  ecco spuntare un link di un sito internet che sponsorizza una associazione che “democraticamente” si è autoeletta come la rappresentate di tutte le associazioni che trattano l’autismo in Italia o forse di tutto il mondo, e che evidentemente pensano che le mamme dei soggetti autistici l’unica cosa che riescono a fare è inverire sui propri figli malati. 

Ecco un “bel” esempio di “pubblicità regresso”. 

Il progetto FANTASIA (Federazione delle Associazioni Nazionali a Tutela delle persone con Autismo e Sindrome di Asperger), raccoglie dal settembre 2008 in unico coordinamento le tre principali organizzazioni no profit italiane impegnate nella difesa dei diritti dei soggetti con Disturbi dello Spettro Autistico, per tutelare le persone colpite e dare voce alle loro famiglie, per costituire un punto di riferimento alle associazioni locali, per promuovere le linee guida dei corretti trattamenti riabilitativi, ispirandosi alla Carta dei Diritti delle Persone con Autismo (risalente al 1996,…. vecchia e obsoleta di 13 anni durante i quali sono cambiate molte molte molte e ancora molte cose ma non le teste di questi signori).

News in Pictures

  • trump-kennedy
  • sierogruppi-men-mondo
  • policlinico-gemelli
  • crack sanità
  • ilva
  • vaccinarsi-in-gravidanza
  • vaccinarsi-in-gravidanza
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: