L’imposizione del vaccino esavalente

Da molto tempo mi chiedo come mai dal 2003 i genitori che, su invito dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica delle ASL, vanno a vaccinare per la prima volta i loro figli, invece di porsi domande in merito ai 4 vaccini obbligatori si vedono psicologicamente costretti ad accettare di somministrare ai loro piccoli un vaccino esavalente (4 vaccini obbligatori + 2 facoltativi – ovvero difterite, tetano, poliomielite, epatite virale B, pertosse, Haemophilus Influenzae B).

Tralasciando il discorso relativo alla grande scorrettezza di questo intervento criminale che viene portato avanti senza fornire alcuna informazione preventiva ai genitori e senza metterli nella condizione di scegliere, è gravemente scorretta anche la giustificazione che viene data ai genitori e cioè che con l’esavalente si risparmiano al bambino alcune iniezioni con un ovvio vantaggio per lui.

I genitori, presi alla sprovvista, spesso non sanno cosa ribattere e quindi cedono accettando il vaccino esavalente senza sapere che:

  1. è scientificamente provato che maggiore è il numero di vaccini inoculati contemporaneamente, maggiori sono gli effetti indesiderati che il bambino subisce;
  2. la riduzione del numero di iniezioni non giustifica e non compensa affatto i danni dell’esavalente;
  3. non è assolutamente sensato confrontare le cose perchè le iniezioni causano solo dolore fisico momentaneo, mentre i 6 vaccini contemporanei causano in un organismo di pochi mesi, totalmente immaturo dal punto di vista immunitario, un totale e duraturo sconvolgimento del sistema immunitario che si può esprimere con danni permanenti a carico di tutto l’organismo (anche eventi mortali);
  4. maggiore è la spesa farmaceutica dei vaccini e maggiore è il guadagno delle Case Farmaceutiche e quindi è ovvio che esse cerchino di aumentare in tutti i modi il numero dei vaccini pediatrici (e non solo, come insegnatoci dalla bufala H1N1);
  5. se le Case Farmaceutiche non portassero avanti esclusivamente motivazioni di profitto economico, avrebbero commercializzato anche un vaccino tetravalente costituito dai soli vaccini obbligatori (difterite, tetano, poliomielite, epatite virale B) in modo che i genitori che vogliono eseguire questi 4 vaccini avrebbero un’alternativa all’esavalente.

Ecco perchè è legittimo sospettare che si voglia obbligare i genitori ad accettare i vaccini che le multinazionali ci vogliono imporre.

News in Pictures

  • trump-kennedy
  • sierogruppi-men-mondo
  • policlinico-gemelli
  • crack sanità
  • ilva
  • vaccinarsi-in-gravidanza
  • vaccinarsi-in-gravidanza
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: