Advertisements

Smettere di introdurre tossine

 ho elencato alcuni rimedi riconosciuti a livello mondiale per eliminare accumuli di tossine dall’organismo. Adesso vi racconto come è altrettanto importante non introdurre sistematicamente di nuove, o almeno come limitarne la quanità.

Ricordate che tutto quanto pubblico è ampiamente documentato e, come tale, può avere effetti profondi nella prevenzione e nella cura, perchè affronta direttamente la causa dei sintomi e delle malattie come l’autismo. Mettere in atto qualche comportamento “sano” serve realmente a bloccare ciò che è causa della malattia e comporta piccoli miglioramenti che vi forniranno il coraggio, la forza e il dovere per proseguire a combattere.

Smettendo di fare quello che provoca i sintomi e la malattia, avrete di fatto curato la malattia. Ecco quello che la scienza medica non vuole che sappiate. Non vuole che conosciate la causa della malattia; vuole solo vendervi farmaci per sopprimere i sintomi ed è per questo che è aumentato in modo esponenziale il MERCATO DEL DISAGIO GIOVANILE.

Non bisogna mai dimenticare le peculiarità di ogni singolo individuo. A volte basta un cambiamento per produrre una totale remissione dei sintomi. Ricordate che servono anni per sviluppare sintomi e malattie (nell’autismo generalmente parte tutto dal 3° anno di vita = 3 anni di intossicazione e depressione immunitaria!) e che non nascono da un giorno all’altro. Ecco perchè quando smettete di intossicare l’organismo, i sintomi e la malattia non se ne vanno nello spazio di poche ore. Di norma occorrono settimane e mesi per verificare ogni piccolo miglioramento, una riduzione o una scomparsa dei sintomi…. a meno che non abbiate superato il punto di non ritorno!

Detto questo, ecco alcune delle tante cose da fare e da non fare per ridurre drasticamente l’apporto di sostanze intossicanti e quindi per prevenire e migliorare patologie e disturbi.

Non mangiare cibi prodotti e commercializzati da corporation, ovvero “di marca”. Se è confezionato in un certo modo, un cibo proviene sicuramente da uno stabilimento per la lavorazione industriale. E se vi è mai capitato di vedere uno di questi stabilimenti, sapete di cosa parlo. Ricordate che un tipico ciclo di lavorazione industriale  degli alimenti prevede l’utilizzo di circa 15000 sostanze chimiche non necessariamente riportate in etichetta…. per i vaccini, come stanno le cose?… qualcuno si è mai preoccupato?… OVVIAMENTE NO…

Perciò, anche se avete cura di leggere gli ingredienti di un prodotto, ci sono ottime probabilità che il prodotto contenga sostanze e additivi chimici non dichiarati.

Eliminare i metalli dalle protesi dentarie e dalle otturazioni. Farsi curare i denti da un dentista olistico è di vitale importanza. Dovete sapere che molte persone soffrono di sintomi debilitanti causati proprio dal metallo (mercurio, piombo, arsenico) utilizzato nelle otturazioni e nelle protesi. Per molti compiere questo passo significa guarire… per la medicina tradizionale è solo “miracoloso“.

Non bere acqua del rubinetto. Tutta l’acqua degli acquedotti è velenosa. Praticamente tutta l’acqua che scende dai nostri rubinetti è satura di agenti contaminanti, tossine, veleni e sostanze notoriamente cancerogene, come i fluoruri e il cloro. Bere l’acqua del rubinetto fa ammalare. Bisogna bere acqua, ma bisogna che sia pura. Meglio bere acqua di sorgente imbottigliata (alcune sono più pure rispetto ad altre), acqua filtrata per osmosi inversa, acqua distillata.

Installare un filtro sulla doccia. Si assorbono più tossine con una doccia che bevendo otto bicchieri d’acqua. La pelle assorbe l’acqua con cui ci laviamo. La doccia calda produce vapore, nel quale le sostanze chimiche contenute nell’acqua si trasformano in gas intossicanti, che respiriamo e assorbiamo attraverso la pelle. Un buon filtro può bloccare la maggior parte delle tossine contenute nell’acqua. Usatene uno e farete un favore a VOI stessi.

Mangiare solo alimenti biologici. Bisogna nutrirsi con cibi che non siano stati prodotti con fertilizzanti, pesticidi o diserbanti chimici. Gi alimenti biologici non contengono residui chimici e sono molto più ricchi di nutrienti.

Non mangiare nei fast-food. Provate a leggere il libro Fast Food Nation di Eric Schlosser. Quando avrete finito di vomitare, ringrazierete il cielo di aver conosciuto la verità!…. trasferite le informazioni nel business dei vaccini e riprenderete a vomitare.

Non mangiate nulla che sia stato preparato con un forno a microonde. Se avete in casa un forno a microonde, fate come me: buttatelo!… Qualsiasi cibo sottoposto all’azione del microonde risulta energeticamente tossico per l’organismo. Mangiare d’abitudine piatti cucinati o anche solo riscaldati nel microonde indebolisce il sistema immunitario ed è causa di ansia e depressione. I genitori che scaldano il latte per i bambini nel microonde li stanno inconsapevolmente avvelenando. Il latte di formula è di per sè un veleno; se poi lo sottoponete alle microonde, diventa ancor più tossico.

Evitare le bibite diet. Le bibite dietetiche sono state definite il “nuovo crack” per il loro potere di indurre dipendenza. In realtà fanno ingrassare e favoriscono la depressione, oltre a scatenare una vasta gamma di sintomi a causa dei dolcificanti artificiali che contengono. Se avete voglia di una bibita, in teoria dovreste comprarne una di produzione biologica (ne ho provate alcune e non sono niente male) in un negozio specializzato; se proprio non potete, meglio bere ina bibita tradizionale. L’idea che tutti i prodotti diet abbiano un ridotto contenuto calorico e quindi aiutino a tenere sotto controllo il peso non ha nessun fondamento. Anzi, è vero il contrario. Tutte le bibite gassate bloccano l’assorbimento del calcio.

Eliminare l’aspartame e il glutammato monosodico. Questi additivi alimentari sono classificati tra le sostanze neurotossiche e sono responsabili di molte patologie che sarebbe possibile prevenire, come il mal di testa, l’asma, l’epilessia, le aritmie cardiache, la depressione, i disturbi legati a deficit dell’attenzione o all’iperattività.

Evitare gli oli idrogenati. Sono clasificati fra i grassi trans. Si tratta di prodotti artificiali, tossici, che aggrediscono le pareti arteriose e provocano cardiopatie. Danneggiano anche il fegato, la milza, l’intestino, i reni e la cistifellea, pregiudicando la funzionalità degli organi. La brutta notizia è che gli oli idrogenati sono presenti praticamente in tutti i cibi industriali. La buona notizia è che esitono cibi chene sono privi: si trovano nei negozi di prodotti biologici.

Evitare i dolcificanti artificiali. Si tratta di sotanze chimiche. Sono veleni e non andrebbero consumati, perchè causano i più svariati problemi di salute. Per dolcificare provate ad usare miele grezzo, succo di canna da zucchero o erba stevia, di produzione biologica.

LA SCIENZA NON E’ MEGLIO DELLA NATURA

Advertisements

News in Pictures

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: