Coscienza etica e asini che volano

La coscienza etica è la capacità di riflettere criticamente sul comportamento umano e professionale e dipende dal grado di maturazione raggiunto dalla coscienza individuale.

La coscienza etica è consapevole della complessità dell'uomo e della problematica umana, e sviluppa una riflessione pluridimensionale, non esclusivamente scientifica, tecnologica, cioè unidimensionale, ma tiene conto dell'uomo intero, tiene presente la scientificità, la socialità, la giuridicità, la moralità e non esclude la religiosità.

La formazione alla riflessione critica sul comportamento professionale è fondamentale per prevenire brutte sorprese da comportamenti non etici.

Il progresso biomedico, il pluralismo culturale, il relativismo etico, la soggettività elevata a criterio decisivo, formano un contesto entro cui la decisione etica non può più avvalersi di parametri standardizzati, ma si forma attraverso un processo decisionale etico che mette in gioco molteplici fattori.

Nel contesto dell’autismo non c’è per le famiglie compito più urgente di quello di riflettere e confrontarsi sulla natura e l’etica di certi professionisti, sui princìpi e i valori universali in gioco, sulle norme deontologiche essenziali, su un metodo di ricerca, per creare un “terreno solido” su cui poggiare il piede della condotta professionale.

Il singolo genitore messo a confronto con la massa di informazioni e con il flusso quotidiano di novità, può sentirsi sempre più frastornato, e incerto, e proprio per questo egli ha bisogno di un fondamentale “terreno solido” per ordinare e assimilare la sconcertante quantità di fattori in gioco.

Un esempio di “terreno solido” può essere costituito dai seguenti elementi:

  • visione chiara della natura dei professionisti ai quali si sceglie di rivolgersi;
  • visione chiara degli scopi che ci si prefigge;
  • visione chiara dei princìpi e dei valori che entrano in gioco;
  • visione chiara degli interessi che contrastano con i princìpi ed i valori di cui sopra;
  • visione chiara delle norme di Legge in ogni contesto;
  • visione chiara delle norme deontologiche del singolo professionista;
  • l’adozione di un metodo per la soluzione dei problemi.

Soprattutto però dovete sapere molto onestamente che qualunque strada decidiate di percorrere, nel delicato momento in cui inizierete il cammino amministrativo per il riconoscimento del danno vaccinale in vostro figlio, anche il più stimato professionista potrebbe essere pronto a lavarsene le mani.

Questa prova di codardìa non deve scoraggiare, ma deve servire di esempio a tutti coloro che ripongono fiducia e decantano a sproposito certi medici creativi di indubbia professionalità, che in realtà nascondono anche loro giri di affari occulti promettendo miracoli che non esistono, senza garantire esami di laboratorio e di verifica che comprovino la validità di certe terapie.

Fin da subito non mi sono mai schierato da alcuna parte, e mi schiererò solo dalla parte di coloro che avranno il coraggio di diffondere l’etica della promozione della salute nei bambini che sono diventati, loro malgrado, l’anima del commercio di un’associazione a delinquere…. basti pensare che sempre più figure estranee al medico (educatori, riabilitatori, assistenti sanitari, assistenti sociali, etc etc) intervengono nel processo di imposizione della medicalizzazione nel bambino: possibile che nessuno si domandi con quale titolo e competenza?

Imparate a ragionare sulla problematica del vostro bambino, a pretendere la verifica di qualunque tipo di trattamento, a contestare quando vi viene affermato un risultato di laboratorio differente rispetto a quanto riportato sugli esami, a non farvi ricattare da persona che abusano della loro qualifica, e comprenderete che non sarete mai ricattabili da alcuno!… Anche se correrete il rischio di essere scaricati, perchè il professionista in questione potrebbe essere l’unico ad offrirvi un metodo altrimenti non accessibile se non trasferendosi in altra nazione, proseguite per la vostra strada perchè significa che è quella giusta e fà paura a tutti coloro che sono collusi a questo sistema criminale che gioca sulla pelle dei bambini.

News in Pictures

  • dottor montanari
  • trump-kennedy
  • sierogruppi-men-mondo
  • policlinico-gemelli
  • crack sanità
  • ilva
  • vaccinarsi-in-gravidanza
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: