Advertisements

Negligenza Imprudenza Imperizia

Scambio di siringhe al distretto sanitario di Limena (PD): somministrato ad un neonato di cinque mesi un farmaco contro il tumore all’utero. Il piccolo per ora sta bene, non ha accusato effetti collaterali, anche se sarà tenuto monitorato per un mese. Si tratta di un caso senza precedenti e non si sa cosa il vaccino possa provocare in un neonato.

NEGLIGENZA – omesso compimento di un’azione doverosa, ovvero accertarsi di iniettare il giusto farmaco al giusto paziente.

IMPRUDENZA – inosservanza di un divieto assoluto di agire o di un divieto di agire secondo determinate modalità, ovvero aver preparato cotemporaneamente entrambe le siringhe destinate a due soggetti diversi probabilmente senza averle differenziate l’una dall’altra (e nel caso di un vaccino è abbastanza difficile commettere questo errore perchè solitamente le siringhe sono già premarcate dal produttore, ma è anche possibile che in questo caso si trattava di flaconcini dal quale aspirare il farmaco).

IMPERIZIA – negligenza o imprudenza in attività che richiedono l’impiego di particolari abilità o cognizioni, e la Dottoressa vaccinatrice era certamente in possesso di abilità e cognizioni che avrebbero dovuto farle mantenere un comportamento più attento e prudente… oppure no?

Questo episodio è uno dei tanti innumerevoli errori sanitari e burocratici che avvengono nei centri vaccinali, spesso sottaciuti o addirittura effettuati con dolo, finchè i genitori non si svegliano e iniziano un percorso giudiziale che toglie il coperchio e smaschera questo inferno che danneggia i bambini.

Riproduzione riservata ©

Advertisements

News in Pictures

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: