Pediatri e Pediatrics

Inizio questo post con una doverosa premessa personale in merito alla visita odierna di mio figlio dal pediatra il quale, resosi conto del quadro di encefalopatia immuno-allergo-tossica comprovata dagli esami eseguiti in questo ultimo anno, ha chiaramente ribadito il concetto di non sottoporre più il bambino ad alcuna vaccinazione ed ha contribuito a fornire ulteriori indicazioni in merito alla presentazione della domanda amministrativa per il riconoscimento della Legge 210/92.

Ebbene, è proprio il caso di dire che al mondo esistono Pediatri e Pediatrics!… ed intanto le famiglie sventolano smarrite come bandiere al vento (insultandosi a vicenda) in una guerra dei poveri ormai parallela alla guerra scientifica che prosegue nel campo dell’autismo.

Per non dare spazio a polemiche fuori luogo da parte di coloro che ragionano solo per pubblicazioni scientifiche e omettono di indagare le suscettibilità immunitarie del proprio figlio in merito alla somministrazione delle vaccinazioni, ma anche per soddisfare la parcondicio, lo scorso mese di luglio avevo pubblicato una valanga di nuovi studi di correlazione autismo e mercurio ricevuti tramite l’Internationa Medical Council of Vaccination oltre che pubblicati sulla rivista neuroscientifica ACTA NEUROBIOLOGIAE EXPERIMENTALIS.

Puntualmente non si è fatta attendere la risposta di un’altra autorevole rivista scientifica, ovvero PEDIATRICS che nel suo prossimo numero di ottobre pubblicherà lo studio campione che ha valutato in oltre mille bambini (precisamente 256 affetti da autismo e 752 sani) la relazione tra l’esposizione ai vaccini – e in particolare al thimerosal contenuto in alcuni di essi – e il rischio appunto di essere colpiti dall’autismo. Lo studio afferma che non esiste correlazione.

Allora sorgono spontanee alcune considerazioni:

  1. tutti coloro che hanno provato a omologare l’autismo come malattia genetica hanno fallito;
  2. stai a vedere che siamo proprio tutti sfortunati?

La realtà però è ben diversa. Infatti, così come è venuta a mancare la fiducia nell’Istituzione OMS a seguito dello scandalo falsa pandemia H1N1, proprio la rivista Pediatrics non è nuova a questa specie di sotterfugi (chiamiamoli così) per indirizzare i suoi lettori scientifici verso un campo molto più accomodante alla pratica vaccinale.

Infatti, dei sette co-autori dello studio danese che apparve su Pediatrics già nel 2003 in merito alla correlazione Autismo & Vaccini, tre avevano ricevuto un finanziamento diretto dal CDC vaccini per i progetti relativi alla sicurezza e altri due degli autori erano dipendenti della Statens Serum Institute, un produttore danese di vaccini. Nel 2004 si tentò di smascherare la natura fraudolenta di tale lavoro… ma solo a marzo di questo anno 2010 sono emerse le prove, in quanto il ricercatore principale Poul Thorsen è stato accusato di aver usato documenti contraffatti per rubare 2 milioni di dollari alla Aarhus University in Danimarca.

Cosa pensare?… L’unica cosa certa di questa vicenda è che doveva obbligatoriamente aprirsi un feroce dibattito in merito all’autismo dopo il flop H1N1 nel tentativo di sedare milioni di genitori in tutto il mondo, l’importante è non farsi coinvolgere nella gazzarra.

Infatti è altrettanto certo che ragionando con la propria testa sulla problematica biologica del proprio bambino non si va incontro a sgradite sorprese, indipendentemente dal fatto che i genitori scelgano di vaccinarlo oppure no…. perchè dovrebbe essere lasciato loro il diritto di scegliere come, peraltro, già alcune regioni italiane hanno legiferato proprio in questi giorni.

Come scrissi al ex Ministro della Salute Sen. Maurizio Sacconi “la CDC è nella poco invidiabile situazione di aiutare a sviluppare i vaccini, contribuire al loro sviluppo, pagare per la somministrazione ed essere responsabile per la loro sicurezza, è come mettere una volpe a guardia di un pollaio”.

News in Pictures

  • trump-kennedy
  • sierogruppi-men-mondo
  • policlinico-gemelli
  • crack sanità
  • ilva
  • vaccinarsi-in-gravidanza
  • vaccinarsi-in-gravidanza
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: