Advertisements

Processo a BIG PHARMA: i primi numeri

Cheryl Eckard, un nome dal costo molto salato per Glaxo Smith Kline.

Come direttrice responsabile dei controlli qualità nella filiale americana Glaxo, la Eckard aveva segnalato, già da diversi anni, molte irregolarità nella produzione dei farmaci.

La società, anzichè seguire i suggerimenti della manager, decise di licenziarla a causa del comportamento troppo zelante.

La multinazionale inglese ha pagato a caro prezzo le tutele federali previste per i “whistle blower” (ovvero i dipendenti che segnalano frodi o truffe dei datori di lavoro), infatti, grazie a questa legge, la Eckard è una donna ricca: 96 milioni di dollari, percentuale spettante dalla maxi multa di 750 milioni che Glaxo ha patteggiato con il Dipartimento di Giustizia.

Questo non è, tuttavia, l’unico caso di irregolarità farmaceutiche; infatti negli ultimi anni una vera e propria escalation di condanne ha colpito le multinazionali del settore.

Il primato delle multe più salate spetta a Pfizer: 2,3 miliardi di dollari per “criminal penalties”.

Segue Ely Lilly con 1,4 miliardi di multe.

Secondo i dati in possesso di Tony West, procuratore federale, il Dipartimento di Giustizia ha inflitto più sanzioni negli ultimi due anni che in tutta la storia precedente.

La legge antifrodi utilizzata contro Big Pharma è molto severa nei confronti delle aziende che frodano lo Stato, in quanto gran parte dei prodotti vengono rimborsati dal sistema sanitario nazionale. Tuttavia va cercata altrove la ragione dell’escalation di sanzioni a Big Pharma.

La legge federale a protezione dei “whistle blower” è un potente incentivo al pentitismo per coloro che, all’interno di un’azienda, assistono a comportamenti criminali.

I tribunali riconoscono indennizzi sempre più elevati per questi “pentiti”, di conseguenza il gioco vale la candela. Un contributo decisivo deriva anche dal comportamento delle aziende, che con la recessione, hanno licenziato migliaia di lavoratori che iniziano a liberarsi del peso di tanti rospi sulla propria coscienza.

Aspettiamo notizie dall’Italia…. fatevi avanti, “pentitevi”…. se siete esseri umani.

Advertisements

News in Pictures

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: