E’ iniziata la caccia alle streghe

Dopo quasi un anno di silenzio dal giorno in cui lo studio del Dr. Andrew Wakefield veniva ritirito da The Lancet, nei giorni scorsi il British Medical Journal è partito alla carica accusando apertamente l’ex medico di aver pubblicato uno studio ingannevole ed intenzionalmente falso.

Perchè tutto questo?

Da qualche mese è possibile acquistare in più parti del pianeta il libro verità del Dr. Wakefield, tranne che nel Regno Unito per ovvie discordanze con gli Enti Governativi che hanno i loro grattacapi da affrontare a seguito di un esercito di genitori inferociti che sono stanchi di farsi etichettare sulle pagine dei giornali come “frustrati e disperati” da giornalisti sovvenzionati dal potere farmaceutico come Brian Deer o Anderson Cooper.

Proprio questa concatenazione di eventi ha indispettito non poco i poteri forti del farmaco a tal punto da scomodore il noto giornalista della CNN, legato in termini d’affari al potente gruppo dei Vanderbilt: una di quelle famiglie dove basta pronunciare la parola “voglio” e tutte le teste finiscono su un piatto d’argento.

L’ultima in ordine di tempo è quella del Dr. Wakefield e, nell’intervista che segue, è a dir poco imbarazzante come il giornalista in questione etichetta dall’inizio il Dr. Wakefield come un “cospirazionista” il quale, riesce a proferire difesa esclusivamente invitando le persone a leggere il suo libro, non tanto come messaggio commerciale ma come divulgazione di verità.

Nella vita di una persona non c’è nulla di più antipatico che impedire la difesa fino a prova contraria!… Considerato che questo studio è così fraudolento pubblicate le prove!!!!…anzichè proseguire a parlarne solo sui giornali; perchè l’esperienza insegna che, a parlare troppo a lungo di un argomento, sono legittimi i sospetti che si vuole nascondere qualche evento criminale.

Anche il libro Callous Disregard è quindi oggetto di accuse di falso però, siccome dopo il caso che ha riguardato mio figlio io non mi fido più di nessuno, ho acquistato quel libro e ho iniziato a verificare le bibliografie elencate: sorpresa!… i dati e le bibliografie si stanno dimostrando tuttaltro che falsità; anzi vi sono studi scientifici pubblicati in tempi non sospetti e riguardanti le reazioni avverse ai vaccini che sono molto ben saldi nella libreria scientifica ufficiale (leggere parte 1, parte 2, parte 3 della cronistoria)

Ecco perchè mi sembra un’affermazione fin troppo azzardata quella che vi siano scritte falsità quando si dimenticano le prove di tanti altri studiosi in campo mondiale.

Inoltre nel libro c’è qualcosa di più che riguarda la vita del giornalista Brian Deer (il principale accusatore che ha rischiato il linciaggio d’avanti al General Medical Council il giorno della sentenza avversa a Wakefield), la teoria fasulla del Dr. Richard Horton (editore di The Lancet che proprio nei giorni scorsi ha conosciuto l’ennesima figuraccia) e alcuni passi della sentenza del General Medical Council Britannico che sono meglio di un libro di barzellette e di “Oggi le comiche” messe insieme.

E’ iniziata ufficialmente la caccia alle streghe per difendere la reputazione di questi soggetti che stanno perdendo credibilità agli occhi del mondo intero e di tutti quei genitori che, come il sottoscritto, hanno prove schiaccianti che inchiodano i vaccini alle loro responsabilità come precursori della patologia del proprio figlio.  Statene certi: pubblicherò tutto!

Anche negli Stati Uniti è partita un’offensiva senza precedenti dei genitori di tanti soggetti autistici che, alla pari dei loro simili del Regno Unito, sono stanchi di farsi etichettare come “frustrati e disperati“, e non è detto che anche qui in Italia inizieremo a organizzarci per valutare l’inoltro di denunce formali per “crimini su minori e contro l’umanità” presso la Corte Europea per i Diritti dell’Uomo di Strasburgo.

Pertanto, tutti coloro che giocano sporco a favore delle case farmaceutiche, dei poteri di lobby, degli ordini di scuderia Ministeriale, delle Commissioni Mediche Ospedaliere e di non ben precisate associazioni, saranno chiamati a rispondere delle loro responsabilità personali al di fuori del territorio italiano e senza la copertura di alcun Ministero della Salute che ormai è diventato il Ministero della Malattia indotta ai nostri figli.

Dopo lo scandalo acqua all’arsenico partirà lo scandalo bambini avvelenati e, come insegna la storia di questo ultimo anno che ha seguito la pandemia bufala H1N1, il Consiglio d’Europa non è in vena di sconti per il nostro paese e per alcuna carica istituzionale!

Annunci
Informazioni su Gabriele Milani 353 Articoli

infermiere, divenuto freelance per dovere di informazione, ma soprattutto padre di un bambino che ha presentato reazione avversa alla somministrazione dei vaccini anti-infettivi nella forma di ENCEFALOPATIA IMMUNO-ALLERGO-TOSSICA, che ha danneggiato lo sviluppo cerebrale ed evolutivo del bambino, sino a realizzare nel tempo il quadro clinico di disturbo autistico con grave deficit cognitivo.