Annunci

Disturbo dello spettro autistico o falsa celiachia?

Nell'edizione cartacea e on-line de Il Secolo XIX di domenica 13 marzo, così come arricchito da nuovi particolari da Il Corriere della Sera in data 15 marzo, è stata pubblicata una notizia che apre nuovi interrogativi in merito alla sindrome autistica nei piccoli pazienti. La revisione della errata diagnosi è quindi possibile attraverso una nuova ricerca scientifica. Infatti, tutti coloro che soffrono degli stessi sintomi della celiachia, ovvero dolore e gonfiore addominale, calo di peso, colon irritabile, emicrania, stanchezza cronica e anemia, non verranno più chiamati "falsi celiaci" o "quasi celiaci". Per il loro disturbo c’è finalmente una diagnosi: gluten sensivity (GS). Si tratta di una ipersensibilità al glutine ma con marcate differenze biologiche e immunitarie rispetto alla celiachia, ed è un disturbo che colpisce sei volte di più della celiachia e che finora non era conosciuto dalla comunità scientifica.

In Italia ne soffrono 3 milioni di persone, a fronte dei circa 500mila celiaci, ovvero una stima pari al 5% della popolazione italiana. Negli Stati Uniti le persone colpite sono ben 20 milioni.

L’identificazione della gluten sensivity si deve ad un gruppo di ricercatori della School of Medicine dell’università del Maryland a Baltimora e della Seconda Università degli Studi di Napoli. Ma la firma della scoperta è decisamente italiana. Il gruppo di ricerca americano, infatti, è coordinato da Alessio Fasano, “cervello” fuggito a Baltimora, da anni impegnato nella ricerca sulla celiachia. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista BMC Medicine ed è destinato “ad aprire un nuovo paradigma scientifico“, ha detto Fasano. “Abbiamo riscontrato che esisteva una massa critica di pazienti non celiaci con sintomi sovrapponibili a questa malattia – sottolinea Fasano – una massa di dimensioni importanti per i quali non si poteva parlare di allergia al frumento. Siamo partiti da qui, per capire il loro disturbo“.

Per lo studio sono stati arruolati 42 pazienti celiaci, 26 con gluten sensivity e un gruppo di controllo. Dai dati è emerso che “esistono differenze a livello molecolare e di risposta immunitaria ma le due condizioni sono entrambe attivate dall’ingestione di glutine“, precisa Fasano. “Nella celiachia si attiva un meccanismo autoimmune condizionato da una risposta adattativa del sistema immunitario – aggiunge Fasano -. Anche nella GS c’è un meccanismo genetico che però riguarda il sistema immunitario innato, senza interessamento della funzione della barriera intestinale, dove si riscontrano segni di infezione ma non di danno, come avviene nella celiachia“. Sia i celiaci che i pazienti con GS trovano sollievo eliminando il glutine dalla dieta. Il prossimo passo della ricerca sarà individuare marker specifici per la GS, come esistono per la celiachia.

Grazie a questa ricerca, pazienti che fino ad ora ricevevano diagnosi errate di disturbo funzionale o colon irritabile oppure l’effetto benefico ottenuto eliminando il glutine veniva etichettato come placebo, oggi avranno una diagnosi. “Si farà chiarezza sugli effetti del glutine nei bambini autistici – afferma Fasano – e nella schizofrenia”… sempre che non lo blocchino subito come hanno fatto con Wakefield [ndr]

L’ipotesi è che nelle persone con autismo vi sia un difetto della permeabilità intestinale per il quale entrerebbero in circolo sostanze tossiche e il primo imputato è il glutine, “ma l’incidenza della celiachia in questi soggetti è del 2% – dichiara Fasano – mentre l’ipersensibilità al glutine arriva al 17-18%“.

Analoga considerazione vale per i soggetti schizofrenici. “Il 20-22% dei casi presenta segni che possono far sospettare una sensibilità al glutine“, aggiunge. Del resto,”il glutine è una molecola tossica – conclude Fasano – è l’unica proteina alimentare che non si digerisce completamente. E negli ultimi 100-150 anni il grano per la produzione alimentare è stato arricchito di glutine“.

Questa ricerca cambia completamente l’inquadramento di questi disturbi. Ora è dimostrato scientificamente che esiste un’entità clinica distinta dalla celiachia per patogenesi e geni coinvolti. Una forma chiamata sensibilità al glutine che affligge le persone sane. Le mucose intestinali in questi pazienti sono normali e non mostrano i danni tipici della celiachia anche se l’intestino è infiammato.

Un problema ignorato per anni che sdogana finalmente tutti quei genitori che fino ad oggi erano stati definiti come “pazzi e visionari“, così come altresì sdogana tutti quegli autori che hanno presentato studi scientifici indipendenti al riguardo e zittisce coloro che pensavano che i benefici legati al taglio del glutine dalla dieta di queste persone fossero dovuti all’effetto placebo.

Annunci

News in Pictures

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: