Incentivi per invogliare i giovani a vaccinarsi

C'erano una volta allegre serate danzanti e sagre paesane organizzate nelle migliori occasioni di festa: S.Silvestro, Carnevale, Ferragosto, la Festa del Patrono, la Sagra del Pesce, la Sagra della Patata e così via... perchè si usava abbinarle sempre ad una Lotteria con, appunto, tantissimi bei premi ad estrazione!

Adesso per convincere gli adolescenti a vaccinarsi si organizza una gara, in perfetto stile birra e salsiccia, a chi si vaccina di più: in premio PC e Ipod.

Quando si parla di incentivi, di solito si parla di provvedimenti varati per indurre all'acquisto di un bene oppure per incrementare la produzione di un bene o di un servizio; che siano incentivi governativi, della singola azienda produttrice o del proprio datore di lavoro, si tratta sempre di una manovra per indurre ad elevare il trend al consumo oppure incentivare gli affari in un certo settore produttivo oppure incentivare il lavoratore ad offire un servizio per guadagnare in cambio un alto stipendio.

Quando si parla di vaccini, ovvero i famosi dogmatici santissimi intoccabili strumenti utili per salvaguardare la salute dell’umanità, risulta difficile comprendere perché mai dovrebbero “incentivarne l’uso” ricorrendo a ricchi premi e cotillons sorteggiati tra i ragazzi che ricevono il maggior numero di vaccini in una specie di raccolta punti.

Nel programma di incentivazione alla vaccinazione di Chapel Hill-Carrboro, nella Carolina del Nord, potete trovare i dettagli relativi al distretto sanitario statunitense della contea di Orange che offre incentivi per motivare gli adolescenti alla vaccinazione.

Per partecipare alla gara bisogna farsi somministrare almeno il vaccino contro il meningococco, aggiudicandosi così 2 punti. A ciò si aggiunge 1 punto per ogni altro vaccino somministrato (sempre nello stesso arco di tempo nei due mesi di aprile e maggio) e c’è 1 punto di bonus per chi riceve tutti i vaccini della serie.

Tra i vaccini della serie troviamo il tanto discusso vaccino HPV contro il Papilloma Virus, che ha già causato molte morti malattie autoimmuni; vaccino che, guarda caso, in certi casi è stato “incentivato” addirittura pagando chi lo riceve (45 sterline).

Era il 30 giugno 2008 quando veniva pubblicato un rapporto in cui si viene a sapere che, da settembre 2007 a maggio 2008 (9 mesi in tutto), la somministrazione di Gardasil ha provocato queste conseguenze:
– 10 donne morte (qui la fonte)
– 140 donne con gravi effetti collaterali (qui la fonte), 27 delle quali in pericolo di vita
– 10 aborti spontanei (qui la fonte)
– 6 donne che hanno contratto la sindrome di Guillain-Barre (qui la fonte)
….. e così via fino al report di Settembre 2010 che riporta 3589 reazioni avverse in ambo i sessi (qui la fonte).

Inoltre, in questa serie di vaccini troviamo anche il vaccino trivalente DPT (difterite, tetano e pertosse).

Ciò vuol dire che fare il pieno di vaccini significa esporsi ai componenti di 4 vaccini di cui uno trivalente, tutti nel giro di due mesi, con le conseguenti complicazioni che potrebbero derivare dal sommarsi degli effetti collaterali avversi a tutte queste immunizzazioni in seguito allo stress del sistema immunitario e all’inoculazione di notevoli antigeni ed eccipienti tossici che nulla hanno di terapeutico.

Il messaggio che voglio dare non è di ignorare le malattie in sé, ma è di informarsi prima di sottoporre il proprio corpo e la propria vita ad un rischio simile. Esistono altre forme di prevenzione, altrettanto efficaci, a meno che non siate attratti dall’irrefrenabile desiderio di possedere il PC e l’Ipod di ultima generazione.

In confidenza… molto meglio birra e salsicce!

News in Pictures

  • trump-kennedy
  • sierogruppi-men-mondo
  • policlinico-gemelli
  • crack sanità
  • ilva
  • vaccinarsi-in-gravidanza
  • vaccinarsi-in-gravidanza
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: