Le interferenze al sistema immunitario provocate dai vaccini

I vaccini distruggono l’immunizzazione naturale del corpo, in risposta agli attacchi da virus e microrganismi, interferendo con la produzione e il rilascio di interferoni.

Gli interferoni sono proteine prodotte e rilasciate dai linfociti in risposta alla presenza di agenti patogeni come virus, batteri, parassiti o cellule tumorali. Essi consentono la comunicazione tra le cellule per attivare le difese di protezione del sistema immunitario che debellano gli agenti patogeni o tumorali.

Il virus chiamato Vaccinia contiene nel suo genoma proteine diverse che fornicono la resistenza del virus alle proteine naturali di difesa del sistema immunitario del nostro corpo chiamate interferoni.

Il sistema immunitario del nostro corpo è costituito da cellule speciali, proteine, tessuti e organi, che si difende contro i germi e microrganismi ogni giorno.

Il virus Vaccinia è stato utilizzato nel vaccino per il vaiolo, ma usandolo per distruggere una malattia ne hanno create molte altre di malattie.

Il virus Vaccinia è stato utilizzato nel vaccino per il vaiolo e da allora è stato scientificamente dimostrato di essere quello che ha innescato il virus dell’AIDS.

AIDS (Sindrome da Immunodeficienza Acquisita) è stata istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nell’ambito del programma di eradicazione del vaiolo.

Il virus Vaccinia è stato utilizzato intenzionalmente per provocare una deficienza immunitaria.

E’ stato geneticamente modificato per essere resistente alla proteina naturale di difesa del sistema immunitario del nostro corpo chiamato interferone. E’ stato originariamente creato per un gruppo specifico di persone: gente di colore e popolazione gay. Ma a causa di attività sessuale interrazziale e bisessuale e il conseguente aumento interrazziale il virus è mutato e ora può infettare qualsiasi razza.

Gli interferoni posseggono una grande capacità di “interferire” con la replicazione virale all’interno delle cellule ospiti.

Gli interferoni hanno anche altre funzioni: attivano le cellule immunitarie, come le cellule natural killer e i macrofagi; essi aumentano il riconoscimento di infezioni o di cellule tumorali tramite regolazione nella presentazione dell’antigene ai linfociti T;  essi aumentano la capacità delle cellule ospiti non infettate a resistere a nuove infezioni virali. Certi sintomi, come ad esempio dolori muscolari e febbre, sono legati alla produzione di interferoni da parte del corpo per combattere l’infezione.

Tutti gli interferoni condividono vari effetti comuni, sono agenti antivirali e possono combattere i tumori.

Come muore una cellula infettata da un virus citolitico, vengono rilasciate particelle virali in grado di infettare le cellule vicine. Tuttavia, la cellula infetta può avvertire le cellule vicine di una presenza virale attraverso il rilascio di interferone.

Le cellule vicine, in risposta all’interferone, producono grandi quantità di un enzima noto come proteina chinasi R (PKR).

Questo enzima fosforila una proteina nota come eIF-2 (Eukaryotic Initiation Factor 2) in risposta alle nuove infezioni virali; eIF-2 è un fattore di inizio della traduzione eucariotica che forma un complesso inattivo con un’altra proteina, chiamata eIF2B, per ridurre la sintesi delle proteine all’interno della cellula. Un altro enzima cellulare, RNAse L (sintetasi/ribonucleasi L) – indotta anche dopo l’attivazione di PKR – distrugge l’RNA all’interno delle cellule per ridurre ulteriormente la sintesi proteica dei geni sia virali che di accoglienza. La sintesi proteica inibita distrugge sia il virus che le cellule ospiti infettate.

Inoltre, gli interferoni inducono la produzione di centinaia di altre proteine – noti collettivamente come Interferon Stimulated Genes (ISGs), ovvero mediatori della risposta antivirale – che hanno un ruolo nella lotta al virus.

Essi limitano anche la diffusione virale attraverso l’incremento d’attività di p53, che uccide le cellule infettate dai virus, promuovendo l’apoptosi.

L’effetto dell’interferone (IFN) sul p53 è legato anche al suo ruolo protettivo contro alcune forme di cancro.

Un’altra funzione dell’interferone è quella di regolare le principali molecole complesse di istocompatibilità, MHC I e MHC II, e aumentare l’attività di immunoproteasoma.

Una maggiore espressione MHC I aumenta la presentazione di peptidi virali alle cellule T citotossiche, mentre il processo immunoproteasoma carica peptidi virali sulla molecola MHC I, aumentando così il riconoscimento e l’uccisione di cellule infettate da parte delle cellule T. Una maggiore espressione MHC II aumenta la presentazione dei peptidi virali alle cellule T helper; queste cellule rilasciano citochine che segnalano e coordinano l’attività di altre cellule del sistema immunitario. Gli interferoni attivano direttamente anche altre cellule immunitarie, come i macrofagi e le cellule natural killer.

La produzione di interferoni (IFNs) si verifica prevalentemente in risposta ai microbi, come virus e batteri, ed ai loro prodotti. Legami di molecole trovati unicamente nei microbi [glicoproteine virali, RNA virale, endotossine batteriche (lipopolisaccaride), flagelli batterici, motivi CpG] – attraverso modelli di riconoscimento recettoriale, legati come recettori di membrana Toll  o recettori citoplasmatici RIG-I o MDA5, possono innescare rilascio di IFNs.

Il recettore di tipo Toll 3 (TL3) è importante per indurre l’attività dell’interferone in risposta alla presenza di virus a doppio filamento di RNA; il ligando per questo recettore è RNA a doppio filamento (dsRNA). Dopo il legame dsRNA, questo recettore attiva la trascrizione di fattori IRF3 (Fattore di Regolazione Interferone 3) e NF-KB, che sono importanti per l’avvio della sintesi di molte proteine infiammatorie. Il rilascio di IFN (interferone) dalle cellule è anche indotto da mitogeni.

Altre citochine, come l’interleuchina 1 (IL-1), interleuchina 2 (IL-2), interleuchina-12 (IL-12), fattore di necrosi tumorale (TNF) e fattore stimolante la colonia (CSF), possono anche aumentare la produzione di interferone.

Molti virus sono stati geneticamente modificati o progettati in bio-laboratori di armi per resistere all’attività dell’interferone.

Sono stati volutamente progettati per aggirare la risposta dell’interferone, bloccando a valle la segnalazione di eventi che si verificano dopo che la citochina si lega al suo recettore, impedendo ulteriore produzione di interferone, e inibendo le funzioni delle proteine che sono indotte dagli interferoni.

I virus che inibiscono la segnalazione dell’interferone comprendono: virus HIV, virus dell’Aviaria (H5N1), virus dell’Influenza Suina (A-H1N1), virus dell’encefalite giapponese (JEV), dengue virus di tipo 2 (DEN 2), i virus della famiglia herpesvirus come il citomegalovirus umano  (HCMV) e sarcoma di Kaposi associato all’herpesvirus (KSHV or HHV8).

L’uomo ha elaborato proteine virali che sono state volutamente create per influenzare il segnale dell’interferone, ed esse includono: EBV antigene nucleare 1 (EBNA1 è implicato nella SLA) e EBV antigene nucleare 2 (EBNA-2) da Epstein-Barr Virus, l’antigene T grande di Poliomavirus, la oncoproteina E7 del papillomavirus umano (HPV), e la proteina B18R di Vaccinia virus (usato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel vaccino contro il vaiolo per far scattare l’AIDS).

Il sistema immunitario protegge il nostro corpo.

Il sistema immunitario è la difesa naturale del nostro corpo contro gli organismi infettivi ed altri invasori.

Attraverso una serie di passi denominata risposta immunitaria, il sistema immunitario attacca gli organismi e le sostanze che invadono i sistemi del nostro corpo e sono in grado di causare la malattia.

Il sistema immunitario è costituito da una rete di cellule, tessuti e organi che lavorano insieme per proteggere il corpo.

Le cellule coinvolte sono globuli bianchi o leucociti, che sono di due tipi fondamentali che si combinano per cercare e distruggere gli organismi patogeni o simili sostanze.

I leucociti vengono prodotti o conservati in molti distretti del nostro corpo, compreso il timo, la milza e il midollo osseo. Per questo motivo, sono chiamati organi linfoidi. Ci sono anche ammassi di tessuto linfoide in tutto il corpo, soprattutto sotto forma di linfonodi, che ospitano i leucociti.

I leucociti circolano nel nostro corpo tra gli organi, attraverso i vasi linfatici e i vasi sanguigni.

In questo modo, il sistema immunitario funziona in modo coordinato per monitorare il nostro corpo e difenderlo da germi o da sostanze che potrebbero causare problemi.

I due tipi fondamentali di leucociti sono i seguenti:

  1. fagociti, cellule che mangiano gli organismi invasori;
  2. linfociti, cellule che consentono al corpo di ricordare e riconoscere gli invasori precedenti e aiutano l’organismo a distruggerli.

Un certo numero di cellule differenti sono considerati fagociti.

Il tipo più comune è costituito dai neutrofili, che combattono in primo luogo i batteri.

Se i medici sono preoccupati per un’infezione batterica, potrebbero prescrivere un esame del sangue per vedere se un paziente ha un maggior numero di neutrofili innescato dall’infezione.

Altri tipi di fagociti hanno il proprio compito per assicurarsi che il nostro corpo risponda in modo appropriato a un determinato tipo di invasore.

I due tipi di linfociti sono i linfociti B e i linfociti T.

I linfociti nascono nel midollo osseo dove crescono e maturano in cellule B, oppure migrano verso la ghiandola del timo, dove maturano in cellule T.

Linfociti B e linfociti T hanno funzioni distinte: i linfociti B sono il sistema di intelligence militare del nostro corpo, cercano i loro obiettivi e per bloccare gli invasori inviano le truppe di difesa contro di loro. I linfociti T sono i soldati che provvedono a distruggere gli invasori che il sistema di intelligence ha individuato.

Ecco come funziona:

Quando gli antigeni (sostanze estranee che invadono il nostro corpo) vengono rilevati, diversi tipi di cellule lavorano insieme per riconoscerli e rispondere. Queste cellule innescano i linfociti B a produrre anticorpi, proteine specializzate che agganciano antigeni specifici.

Una volta prodotti, questi anticorpi continuano ad esistere nel corpo di una persona, in modo che se lo stesso antigene viene presentato di nuovo al sistema immunitario, gli anticorpi sono già pronti a fare il loro lavoro.

Quindi, se qualcuno si ammala con una certa malattia, come ad esempio la varicella, quel qualcuno di solito non si ammala di nuovo.

Anche se gli anticorpi (prodotti naturalmente dal sistema immunitario del nostro corpo) sono in grado di riconoscere un antigene e bloccarlo, in realtà non sono in grado di distruggerlo senza ricevere aiuto.

Questo è il lavoro dei linfociti T, che sono parte del sistema che distrugge gli antigeni che sono stati etichettati da anticorpi o cellule che sono state infettate o in qualche modo cambiate. I linfociti T sono anche coinvolti nell’aiutare altre cellule, come ad esempio i fagociti, per svolgere al meglio il loro lavoro.

Gli anticorpi prodotti naturalmente dal nostro corpo neutralizzano le tossine (sostanze velenose e/o dannose) prodotte da organismi differenti. Infine, gli anticorpi del nostro corpo sono in grado di attivare un gruppo di proteine chiamate complemento che fanno sempre parte del sistema immunitario.

Il complemento aiuta a uccidere i batteri, virus o cellule infettate e rappresenta l’elemento essenziale dei meccanismi di difesa umorali contro gli agenti infettivi.

Tutte queste cellule specializzate e parti del sistema immunitario offrono la protezione al nostro corpo contro le malattie. 

Questa protezione si chiama “immunità”.

Tutti i vaccini sono prodotti per causare un deficit immunitario, interferendo con la capacità del corpo di uccidere naturalmente tutti i virus, batteri, parassiti e cellule tumorali.

Il virus o i virus multipli che sono inclusi in tutti i vaccini sono stati geneticamente modificati nei laboratori per essere resistenti alla risposta automatica del nostro sistema immunitario, creando il risultato che le persone sane (persone con un sistema immunitario molto forte) iniziano ad ammalarsi.

L’aggiunta di sostanze neurotossiche e coadiuvanti sono intenzionalmente aggiunte ai vaccini per causare infiammazioni latenti e malattie. Perché?

I vaccini sono molto remunerativi per l’assistenza sanitaria e farmaceutica, ma fanno molto male alla salute!

Ormai, nel sistema sanitario, i vaccini hanno assunto la dimensione di un prepotente business, un mercato per fare soldi sulla pelle delle persone. Essi non sono parte del budget di cure destinate alla popolazione. Le case farmaceutiche, al fine di rimanere attive, hanno bisogno di fare soldi. Al fine di fare soldi hanno bisogno di una popolazione malata.

L’industria farmaceutica, per movimentare il sistema sanitario, può restare sul mercato solamente se ci sono persone malate, in modo di mantenere e far progredire i propri affari, e l’unico modo per garantirsi guadagni in entrata è quello di modificare geneticamente virus e microrganismi che sono resistenti alle difese naturali del nostro corpo.

Dal momento che nessuna persona acconsentirebbe volontariamente e consapevolmente a farsi iniettare un virus, un microrganismo, una tossina o un veleno nel proprio corpo, le case farmaceutiche usano il terrorismo psicologico (con la complicità degli organi di stampa) per generare psicosi ed isterismi al fine di costringere le masse a vaccinarsi ed essere volontariamente infettate e avvelenate.

In molte nazioni, nessuna persona è corsa a vaccinarsi per l’influenza suina (H1N1) nel 2009 fino a quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il CDC, l’ONU, vari Ministri e altrettanti organi di stampa iniziarono a terrorizzare la popolazione mondiale con messaggi fraudolenti, dichiarando che milioni di persone sarebbero morte se le varie nazioni del mondo non avessero vaccinato i loro cittadini.

Il virus H1N1 si è tramutato in pandemia come dichiarato dall’OMS? Assolutamente no!… anzi, i vaccini prodotti per combattere il virus si sono dimostrati maggiormente pericolosi e letali, contribuendo a seminare decessi, reazioni avverse e disabilità tali da essere finite sotto indagine penalmente rilevabile.

Il virus dell’influenza stagionale ha ucciso più persone di quante ne ha uccise il virus dell’influenza suina (H1N1). Gli incidenti d’auto uccidono più persone al mondo che il virus H1N1. Vi sono guerre e aggressioni nel mondo che uccidonoo milioni di innocenti. Vi sono vaccini che aumentano in modo esponenziale i disturbi dello spettro autistico, le malattie autoimmuni, il diabete, i tumori in milioni di bambini.

L’autismo non è forse una pandemia peggiore? Eppure le istituzioni sanitarie se ne strafregano pur sapendo che le vaccinazioni sono direttamente coinvolte nell’escalation impressionante di questa disabilità (encefalopatia indotta) altamente invalidante per tutta la vita!

Tutti coloro che hanno effettuato il vaccino per l’influenza suina A-H1N1 sono a loro modo divenute proprietà fiscale della sanità e profitto futuro per le industrie farmaceutiche. Molti degli adulti che sono stati vaccinati accuseranno immunodeficienze.

Ai bambini che nasceranno da quegli adulti, è stata inflitta malattia già dal giorno del loro concepimento.

Milioni di bambini innocenti nasceranno con deficienze immunitarie e i virus geneticamente modificati e alterati, microrganismi patogeni, parassiti, tossine e veleni che gli verranno successivamente iniettati con i programmi vaccinali dell’infanzia li renderanno tutti prede del sistema farmaceutico.

Anche coloro che ancora saranno nel grembo della loro madre diventeranno vittime, perchè il DNA e il sistema immunitario della madre è già stata colpito dalle tossine, dai  virus resistenti, dai microrganismi patogeni, dai veleni e parassiti che sono stati iniettati nel suo corpo da un vaccino (Vaccino H1N1 collegato all’aumento del 700% di aborti spontanei negli Stati Uniti).

Se questa non è criminalità organizzata e legalizzata, non trovo altri concetti civili per definirla diversamente.

Fonte ispiratrice al post  > Vaccines interfere with you body’s ability to naturally kill viruses, bacteria, parasites, and tumor cells

Annunci
Informazioni su Gabriele Milani 353 Articoli

infermiere, divenuto freelance per dovere di informazione, ma soprattutto padre di un bambino che ha presentato reazione avversa alla somministrazione dei vaccini anti-infettivi nella forma di ENCEFALOPATIA IMMUNO-ALLERGO-TOSSICA, che ha danneggiato lo sviluppo cerebrale ed evolutivo del bambino, sino a realizzare nel tempo il quadro clinico di disturbo autistico con grave deficit cognitivo.