La contaminazione con il DNA estraneo è la causa dei danni da vaccino?

I vaccini contengono frammenti di DNA estraneo che si possono replicare e causare malattie. Che problemi potrebbero scatenare nelle nostre cellule? Potrebbero essere responsabili del recente incremento dei casi di autismo?

Antonella Celli, mamma del bambino al quale è riferita la recente Sentenza del Tribunale Rimini che collega l’autismo alle vaccinazioni, laureata in Sociologia con 110 e Lode, ha tradotto per i lettori di Autismo & Vaccini un ottimo articolo di Leslie Carol Botha [coordinatrice di Women’s Health Freedom Coalition, autrice, editrice, giornalista broadcast è un esperto di fama internazionale sulla salute ormonale femminile].

Il  DNA estraneo, chiamato anche DNA ricombinante [rDNA], è un termine che chi assume farmaci non conosce, tuttavia basta solo il buon senso per capire la sua pericolosità. [n.d.r. - il vaccino esavalente illegale che somministrano nell'infanzia è prodotto con la tecnica a DNA ricombinante].

L’American Biologic Safety Association [ABSA] ha classificato il DNA ricombinante [rDNA] come un rischio biologico e ha fornito delle direttive specifiche sul suo utilizzo.

Secondo un documento della Coalizione di Sicurezza dei Vaccini:

La presenza di sequenze virali silenti che derivano da genomi animali e umani è nota da almeno 20 anni. Questi includono sequenze retro virali che sono state ritrovate nei vaccini con virus vivi attenuati.

Victoria e Colleghi hanno hanno riscontrato che i vaccini contenenti virus vivi, usati per le vaccinazioni pediatriche, sono contaminati con acidi nucleici virali che provengono dalle cellule dei polli e delle scimmie.

Le  conclusioni sono state confermate dai produttori di vaccini e i dati sono stati segnalati alla FDA.
In particolare, il virus della leucosi aviaria [ALV] era presente come RNA in particelle virali mentre il retrovirus delle scimmie [SRV] era presente come DNA geneticamente difettoso.

Il Rotarix, un vaccino contro il rotavirus somministrato per via orale, contiene invece gli acidi nucleici del virus suino-1 [PCV1]. Sempre da questo report risulta che un secondo vaccino contro il rotavirus [RotaTeq] contiene gli acidi nucleici sia del PCV1 che del PCV2, un patogeno che nei suini è associato a problemi di immunodeficienza. [n.d.r.Vaccini contaminati minacciano la salute dei nostri bambini]

Il Center for the Biology of Chronic Disease [CBCD], con lo studio del Dr. Hanan PolanskyMicrocompetition with Foreign DNA and the Origin of Chronic Disease“,  dimostra come i frammenti di DNA estraneo possono causare molte malattie gravi, senza modificare il DNA umano. Lo studio è stato utilizzato da più di 5.000 scienziati di tutto il mondo, ed è stato riportato in più di 20 riviste scientifiche.

La ricerca spiega la causa di molte malattie gravi e mostra come i virus attenuati  in realtà possono scatenare una malattia latente.

Quando questi frammenti di DNA estranei, che il Dr.Polansky chiama N-boxes, entrano nel corpo [naturalmente o artificialmente, come attraverso una iniezione di un vaccino], finiscono nel nucleo della cellula. La microcompetizione tra l’ N-box estraneo e quello umano può causare il malfunzionamento dei geni umani, che può portare alla malattia.

Infatti, ad esempio nel vaccino Gardasil il Dr. Polansky ha trovato una contaminazione con il DNA ricombinante dell’antipapilloma virus che non avrebbe dovuto esserci.

Secondo il Dr. Polansky il contaminante potenzialmente pericoloso deriva da un processo di produzione difettoso della medicina biologica che non è in grado di filtrare tutti i plasmidi di DNA estraneo e pertanto è nato il sospetto che ci fossero queste particelle  in tutti i medicinali biologici presenti sul mercato.

L’epidemia di autismo è collegata alle particelle di DNA estraneo presenti nel vaccino MMR II?

Nel mese di aprile di quest’anno, il CBCD ha emesso un comunicato stampa nel quale chiedeva al CDC di studiare la teoria delle microcompetizioni del DNA estraneo di  Polansky, visto che riguardava anche il vaccino MMR II della Merck & Co.

Nel foglietto illustrativo del vaccino [disponibile per il download sul sito web della FDA] si riscontra che contiene la sequenza cellulare fetale Wistar RA 27/3, quella di cellule fetali WI-38, e l’albumina umana. [n.d.r.  – anche il vaccino trivalente MPR Priorix, che somministrano in Italia, non è esente da identica situazione]

Il CBCD ritiene che una migliore comprensione della teoria-ritenuta valida da molti scienziati e ricercatori NIH e di altre università e organizzazioni rinomate, possa portare a politiche migliori per contrastare l’epidemia di autismo.

Un recente statistica del CDC ha evidenziato che l’epidemia è aumentata del 78% dal 2007.

Il vaccino MMR viene somministrato inizialmente ai bambini poco dopo che hanno compiuto un anno e il richiamo viene effettuato circa a cinque anni di età prima dell’inizio della scuola elementare. Secondo la CBCD, questo è anche di solito l’età in cui la maggioranza dei soggetti viene diagnosticata .

La CBCD ritiene che i processi di purificazione attuali non sono in grado di filtrare completamente tutti i plasmidi di DNA estraneo utilizzati nel processo di fabbricazione del vaccino MMR. Di conseguenza, alcuni frammenti di DNA estraneo finiscono per essere iniettati nei neonati.

Il vaccino MMR II è contaminato con DNA umano dalla linea cellulare in cui il virus della rosolia è cresciuto. Questo DNA umano potrebbe essere la causa dell’aumento dell’ autismo.
Un picco nella crescita dell’incidenza dei casi di autismo si è verificato nel 1995, quando il vaccino della varicella ha iniziato ad essere coltivato nel tessuto fetale umano“, ha scritto la Dottoressa Helen Ratajczak.
Su questo argomento Lei ha  pubblicato due articoli sul Journal of Immunotossicologia. [Merck and Co. Inc., 2001; Breuer, 2003].

[Nota: un plasmide è una struttura genetica di una cellula che può replicarsi indipendentemente dai cromosomi.]

Quindi, è chiaro che il CDC e la FDA sono a conoscenza di questo problema da tempo. Nel giugno del 2001, è stato pubblicato uno studio in Emerging Infectious Diseases dal titolo:“Adventitious Agents and Vaccines” [Agenti Avventizi e Vaccini] che afferma:

Molti nuovi vaccini sono prodotti in substrati di cellule animali e le malattie infettive emergenti possono teoricamente essere trasmesse dagli animali all’uomo attraverso questi vaccini.
L’obiettivo di identificare potenziali agenti nocivi nei vaccini è strettamente parallelo a quello di identificare gli agenti che causano le malattie infettive emergenti.

Infezioni da HPV dormienti: il colpevole silenzioso

Anche se la FDA afferma che i frammenti di DNA estranei che si trovano in Gardasil  non provocano alcun rischio per la salute, la CBCD non è d’accordo. La loro ricerca li ha portati a credere che l’HPV ha la capacità di risvegliare una malattia cronica latente e che le infezioni croniche possono portare al cancro.

Uno studio recente intitolato “Prevalence of Oral HPV Infection in the United States, 2009 – 2010” che è stato pubblicato su  Journal of the American Medical Association [JAMA] svela che il virus HPV è stato trovato nelle mucose della bocca del 7% dei 5.600 soggetti reclutati. La maggioranza dei soggetti in cui è stata riscontrata la presenza è di sesso maschile.

Gli autori dello studio hanno scritto, ‘La prevalenza di infezione da HPV orale tra gli uomini e le donne tra i 14 e i 69 anni negli Stati Uniti è circa il 7% … L’infezione da HPV-16, (un tipo specifico di HPV più associata al cancro) è stato rilevato in 1% di uomini e donne, corrispondenti a circa 2.130.000 individui infetti negli Stati Uniti.

In sintesi, secondo lo studio, 2.13 milioni di persone che non hanno sintomi ora, e neppure sanno di essere infetti, potrebbe sviluppare il cancro a causa della loro infezione da HPV.

A questo punto aggiungiamo il fattore rDNA e chiediamoci cosa può succedere effettivamente nei meccanismi del corpo umano. Il DNA può essere stimolato dal vaccino studiato per prevenire l’infezione cronica che porta al collo dell’utero e
di altri tumori HPV- con un mix di rDNA che contiene alluminio – che entrando in circolo nel sangue indebolisce il corpo.

Particelle di HPV rDNA sono state riscontrate nell’autopsia effettuata su una ragazza della Nuova Zelanda

In Agosto, il Dr Sin Hang Lee, un patologo del Connecticut’s Milford Hospital ha trovato dei frammenti di DNA di HPV nei campioni del sangue e del tessuto della milza di Jasmine Renata, un’ adolescente della Nuova Zelanda che è morta nel sonno 6 mesi dopo aver ricevuto il vaccino Gardasil.

Il Dr. Lee ha dichiarato nella sua perizia:

Il ritrovamento di questi frammenti di DNA estraneo nei campioni post-mortem sei mesi dopo la vaccinazione indica che alcuni dei frammenti di DNA residui del gene virale di Gardasil sono stati preservati in forma di complessi DNA-alluminio nei macrofagi, o sono stati integrati nel genoma umano.

I frammenti di DNA virali e plasmidi sono noti per attivare i macrofagi, inducendoli a rilasciare il fattore di necrosi tumorale [TNF], un depressore del miocardio che può indurre shock letali negli animali e nell’uomo.

Sebbene la scoperta del Dr. Lee non può legare il rDNA direttamente alla morte della ragazza, il probabile meccanismo d’azione esiste in quanto tutti gli altri possibili fattori di causa della morte sono state esclusi.

Secondo il Dr. Lee, il Gardasil contiene un DNA ricombinante di HPV inserito in cellule di lievito. L’ rDNA si comporta diversamente da HPV DNA naturale che non rimane nel sangue per un lungo periodo di tempo.

Una volta che un segmento di DNA ricombinante viene inserito in una cellula umana, le conseguenze sono difficili da prevedere. Potrebbe rimanere nella cellula temporaneamente oppure per sempre, potrebbe causare una mutazione. Ora la cellula contiene il proprio DNA umano e allo stesso tempo il DNA virale.[n.d.r.GARDASIL: scoperta contaminazione nel vaccino anti HPV]

La guerra del DNA

L’aspetto più spaventoso è che le agenzie sanitarie governative non hanno il controllo, né  la comprensione, di ciò che accade quando una particella di DNA ricombinante infetta una cellula con il DNA ‘normale’.

Quali sono i meccanismi d’azione che determinano chi vince le guerre del DNA?

Che cosa succede se il nostro ‘DNA’ perde?

Le percentuali altissime di soggetti autistici e ed il crescente numero di sindromi  post-Gardasil e Cervarix sono esempi in cui al nostro DNA è andata male?

Ancora più terribile è che gli scienziati non sanno come isolare o addirittura eliminare le particelle di DNA estraneo dal corpo.

News in Pictures

  • trump-kennedy
  • sierogruppi-men-mondo
  • policlinico-gemelli
  • crack sanità
  • ilva
  • vaccinarsi-in-gravidanza
  • vaccinarsi-in-gravidanza

5 Commenti su La contaminazione con il DNA estraneo è la causa dei danni da vaccino?

  1. E’ possibile leggere i documenti della Dr.ssa Deisher a questi link pubblicati nel 2010, dopo che furono notificati al Meeting Internazionale per la ricerca sull’Autismo tenutosi a Philadelphia dal 20 al 22 maggio 2010:
    1) VACCINI CON CELLULE DI FETI ABORTITI
    2) STUDIO SCPI SU DNA DI FETI ABORTITI NEI VACCINI

    Inoltre consiglio anche questo link che riporta uno stralcio informativo nostrano del 2005:
    Riflessioni morali sui vaccini preparati con cellule di feti abortiti

    Cordialità

  2. per la ricerca nell’autismo documenta la connessione. “La correlazione temporale tra l’introduzione nei vaccini di DNA dai feti abortiti e gli aumenti di autismo è evidente. Le statistiche la mostrano nel corso di decine di anni e in diversi continenti. La correlazione temporale è più significativa di quella del mercurio,” dice la D.ssa Deisher, aggiungendo che il mercurio non mostra questa correlazione temporale con i recenti forti aumenti dei casi di autismo. L’uso di cellule provenienti dai feti implica la presenza residuale di DNA umano nei vaccini. I frammenti residuali di DNA umano possono migrare fino al cervello dove, con un processo chiamato ricombinazione omologa, si uniscono al materiale genetico del bambino vaccinato. Il sistema immunitario del bambino riconosce il DNA estraneo proveniente dai vaccini. Dato però la stretta somiglianza di questo DNA a quello proprio, il sistema può cominciare ad attaccare le cellule del proprio corpo – innescando una malattia autoimmune.

  3. Che tristezza…a chi dobbiamo affidarci x la salute dei ns figli …a chi?Claudia

  4. Buonasera Sig.ra Anna Maria, grazie per la visita.

    I vaccini a DNA portano l’immunizzazione ad un nuovo livello tecnologico.
    Una volta che sono stati analizzati i geni da un microbo, gli scienziati possono tentare di creare un vaccino DNA contro di essi.

    Il tipo di DNA garantisce virtualmente la mancanza di concorrenza a Big Pharma da parte di riproduzioni generiche, in più essa avrà il monopolio dell’intero mercato.
    Ecco perché tutti i vaccini alla fine possono andare incontro a questo itinerario futuro e perché ci sono circa 300 nuovi vaccini in via di sviluppo.
    Si tratta di una situazione accattivante in cui hanno eliminato qualsiasi concorrenza farmaceutica, perché la ricerca del DNA è un lavoro intensivo e costoso, e in più sappiamo come i produttori di vaccini godono di carta bianca e protezionismo politico contro gli atti illeciti e i danni derivati dall’utilizzo dei loro prodotti.

    I ricercatori hanno scoperto che quando i geni per gli antigeni di un microbo sono introdotti nel corpo, alcune cellule trattengono quel DNA.
    Il DNA incarica poi quelle cellule a riprodurre le molecole dell’antigene. Le cellule secernono gli antigeni e li visualizzano sulla loro superficie. In altre parole, le cellule del corpo diventano fabbriche del vaccino.

    Tale meccanismo è simile a quello che succede in Bt-mais OGM che si attiva proprio all’interno di Bacillus Thuringiensis impiantato nel mais. A volte, il DNA è mescolato con molecole che facilitano la sua assunzione dalle cellule del corpo.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: