Annunci

L’esavalente contaminato: AGGIORNAMENTO

Come anticipato sabato 13 ottobre nell'articolo L'esavalente contaminato, alcuni lotti di Infanrix Hexa prodotto dalla GlaxoSmithKline e utilizzato sui neonati in diversi paesi del mondo, sono stati richiamati "volontariamente" dall'azienda in via "precauzionale" per il sospetto/conferma di contaminazione microbica da "Bacillus Cereus".

Nessuna comunicazione ufficiale era stata rilasciata dalle autorità italiane; in tarda serata è finalmente uscita una nota dalla Farmacovigilanza dell'AIFA .

Il Ministero della Salute, contattato dal sottoscritto all'Ufficio VIII [Attività amministrativa per la corresponsione di indennizzi ai sensi della legge 25 febbraio 1992, n. 210: funzioni di competenza statale in materia di indennizzi a soggetti danneggiati da vaccinazioni obbligatorie e da contagio con sangue e suoi derivati infetti] col quale ho già avuto contatti telefonici riguardanti la pratica di mio figlio, risponde: "I lotti non sono commercializzati da noi".

Nella serata di sabato 13 ottobre avevo inoltrato una corposa mail all'indirizzo di farmacovigilanza della Glaxo [drugsurveillance-italy@gsk.com], ricca di riferimenti riportati nel precedente articolo.

Lunedì pomeriggio ricevevo risposta dalla Sig.ra A.C. [non riporto il nome per ovvie questioni di privacy] del servizio di Farmacovigilanza della Glaxo Italia, accordandomi per una telefonata chiarificatrice. Tutto ciò è avvenuto oggi pomeriggio.

Ringrazio pubblicamente la rappresentante del colosso del farmaco per aver concesso attenzione e collaborazione a un semplice cittadino e, come spesso si dice in questi casi, “ambasciator non porta pena: prendiamo per buona la risposta di circostanza“.

Siamo a conoscenza della questione di contaminazione microbiologica.

La contaminazione ha interessato la zona di produzione dei vaccini ma nessuna contaminazione ha interessato i prodotti finiti, ovvero i vaccini.

Per l’Europa, i vaccini sono prodotti “tutti” in Belgio. I lotti interessati non sono utilizzati sul in territorio nazionale.

La nostra è estrema precauzione.

Al momento non sono segnalati eventi avversi.

I paesi interessati sono circa 19

Provo a chiedere quali siano gli altri 13 paesi. Oltre ai 6 paesi già citati [Spagna, Francia, Germania, Slovacchia, Canada e Australia] si aggiungono: Gran Bretagna, Belgio, Olanda, Grecia, Repubblica Ceca, Albania, Malaysia, Vietnam, Qatar, Romania, Libano, Brasile, Malta.

Siamo dei miracolati?

Sorvolo sul fatto che i vaccini sono prodotti tutti in Belgio in quanto dal documento del Ministero della Salute tedesco si evince che le cose non stanno proprio così:

Laboratori/distributori “paralleli esterni” e numeri di lotto interessati dal provvedimento:

  • Emra-Med, Kohlpharma, Pharma Westen, Veron Pharma: A21CB187B
  • CC-Pharma: A21CB337A
  • Pharma Westen, Emra-Med, Kohlpharma, Veron Pharma: A21CB187C
  • A.C.A. Müller: A20CA742A, A20CA743A

… insomma se queste aziende sono tutte in Belgio credo che serve ripassare la geografia, considerato che gli altri 5 lotti ritirati [A21CB191C, A21CB193A, A21CB193B, A21CB193C, A21CB194A] sono prodotti proprio dalla Glaxo Germania!

Nel frattempo le Asl ricevono telefonate da genitori comprensibilmente preoccupati. Anche noi abbiamo ricevuto delle e-mail da tutta Europa dove purtroppo, in molti casi, i vaccini ritirati erano già stati somministrati ai bambini. Più che rassicurare e consigliare le persone sul comportamento da tenere, oltre che presentare un esposto alle competenti autorità giudiziarie, non abbiamo potuto fare.

Era comunque lecito aspettarsi maggior interesse e tempestività dalle Autorità Sanitarie Nazionali preposte alla Farmacovigilanza, in ottemperanza alle disposizioni EMEA riguardanti i ritiri di prodotti dal mercato e gestione non conformità

“I difetti di Classe I sono difetti potenzialmente a rischio di vita. Una rapida notifica di avviso deve essere inviata a tutti i contatti di un elenco preposto alla notifica dell’avviso, a prescindere dal fatto che la partita è stata esportata in quel paese“.

Il comportamento non è giustificabile: pur essendo a conoscenza della problematica, hanno pensato bene di rimanere in silenzio fino a quando sono stati pressati con avvisi inviati tramite ogni mezzo di comunicazione.

Di fatto però, alle nostre domande, non abbiamo ricevuto risposta:

  1. se “nessuna contaminazione è stata trovata nei prodotti“, perchè li ritirano?
  2. se “nessuna contaminazione è stata trovata nei prodotti“, perchè è stato attribuito al difetto riscontrato la classificazione di CLASSE I?

Nel dubbio, prendere comunque nota dei lotti interessati e pretendere [ricordo che è vostro diritto] di conoscere il numero di lotto del vaccino che viene somministrato a vostro figlio o a vostra figlia.

Per maggior chiarezza dovrebbero essere resi noti i numeri di lotto di tutti i paesi interessati dal provvedimento!

Invece, questa incertezza è peggio della roulette. Una roulette che si gioca sulla pelle di inconsapevoli neonati e che, indipendentemente dal fatto che i lotti non siano commercializzati in Italia, potrebbe divenire materiale per un esposto in qualche Procura [per esempio partendo da Torino in cui c’è il Dott. Guariniello].

Come riporta giustamente il Dott. Montanari in recenti commenti:

  1. Io credo che non si possa più fare il pesce in barile. Che i vaccini diano problemi ormai non lo può più negare nessuno, a rischio di cadere nel ridicolo. Dando per scontata, almeno provvisoriamente, l’onestà, gli organi di sorveglianza devono attivarsi per controllare, e, per farlo, devono disporre di chi lo sappia fare sul serio, visto che finora la cosa è stata considerata nient’altro che un puro adempimento burocratico e che tutto andasse regolarmente bene era un atto di fede di cui era peccato dubitare. Se, qualunque sia il motivo, le persone preposte a controllare non sono all’altezza, è opportuno sostituirle senza indugi perché qui stiamo parlando di salute e, in qualche caso, di vita o di morte. Da parte sua l’industria farmaceutica ha il dovere di rivedere i controlli. Se finora si è permessa di accontentarsi della burocrazia, ora deve cominciare a lavorare in termini scientifici secondo ciò che la scienza attuale prescrive. Sui farmaci in generale, e sui vaccini ancor di più, non può esistere il minimo dubbio almeno per quanto riguarda il contenuto, un contenuto che deve essere chiaramente dichiarato, cosa che, al momento, certo non è. Il mio sospetto, forse confermato da quei ritiri, è che addirittura attrezzature e ambienti di lavoro non siano quelli che dovrebbero essere, il che spiegherebbe la presenza delle polveri inorganiche non biodegradabili e non biocompatibili in tutti i vaccini che abbiamo analizzato. Da ultimo, è indispensabile che i medici, e i pediatri in particolare, ricordino di aver giurato ad Ippocrate di fare solo il bene dei propri pazienti.
  2. A quanto pare si parla sempre di contaminazioni batteriche ma vorrei che si focalizzasse l’attenzione sulle contaminazioni da micro- e nanopolveri. Queste possono presentare una grande aggressività perché l’organismo non ha armi per difendersi, al contrario di quanto avviene per la maggior parte dei batteri. Credo sia preoccupante osservare come per questo tipo d’inquinamento non esistano controlli.

Speriamo vivamente di non dover scoprire tra qualche mese che tra questi paesi rientra anche l’Italia.

Annunci

News in Pictures

5 Commenti su L’esavalente contaminato: AGGIORNAMENTO

  1. il mio bambino a sei mesi (ovvero a ottobre 2012) fece il maledetto vaccino in questione, nei giorni dopo perse 180 gr in 3 giorni (il mio bimbo è molto piccolo al 10mo percentile di grassezza) preoccupata informai della cosa il pediatra che pesandolo mi disse non notava anomalie di peso in confronto al mese prima…non sì è fidato di me, la mia bilancia è PERFETTA ed il bimbo non mangiava qusi nulla poco dopo uscì questa notizia, io credo di far parte di quelle persone che in italia hanno avuto lotti contaminati ma ovviamente quà in Italia we we cumpà è tutto fatto con i piedi! Comunque non vaccineremo più i nostri bambini e speriamo vivamente che non abbia subito danni da vaccino quando ancora credevamo di fare il suo bene inoculando tremila schifezze nel suo corpicino con Th1 e Th2 affatto bilanciati.

  2. Reblogged this on carlonatura and commented:
    Aricoli molto interessanti

  3. Buongiorno Sig.ra Tamara, come da disposizioni AIFA [http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/ritiro-cautelativo-di-alcuni-lotti-di-infanrix-alcuni-stati-membri-situazione-italia-1610201] l’Italia non è interessata dalla problematica, però a fine precauzionale consiglio di chiedere sempre in ogni caso il numero di lotto del vaccino che viene somministrato: è suo diritto saperlo in ogni caso!

    Ho pubblicato solo i lotti dei 6 paesi dei quali ho effettivamente reperito la documentazione ministeriale, purtroppo non conosco i numeri di lotto degli altri 13 paesi coinvolti. Per questo consiglio di chiedere sempre il numero di lotto quando si effettua una vaccinazioni. Dobbiamo fidarci delle nostre istituzioni per non incorrere in ingiustificati allarmismi.

    Comunque se riesce a sapere il numero di lotto e vuole comunicarcelo, possiamo aiutarla nella ricerca e contribuire a toglierle ogni dubbio

  4. Egregio Sig.Gabriele Milani,io ieri ho fatto all’asl di Mantova il primo vaccino a mia figlia di 2 mesi e mezzo di antipolio salk antipertose antidiftotetano antihaemophilus tipo b e antiepatite b !! dal testo scritto da lei sebrerebbe che da noi in Italia non ci siano problemi con il farmaco somministrato per il vaccino dei nostri bambini,mi conferma questa cosa? vorrei richiedere quindi il lotto del vaccino che hanno somministrato ieri a mia figlia e se non fosse contaminato non dovrebbe coincidere con i lotti da lei segnalati in alto giusto? la prego in una risposta! grazie a risentirla.
    Cordiali saluti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: