Annunci

Disordini Mentali

10287811_lLa diatriba tra chi sostiene il primato della psicoterapia su quello degli psicofarmaci, e viceversa, per  la «cura» dei disordini mentali evidenza la persistente contrapposizione tra due visioni dei disturbi del comportamento definiti come malattia mentale/ malattia psichiatrica :

  • da un lato la malattia mentale causata da alterazioni biologiche, geneticamente determinata e come tale condizione inguaribile,  curabile  soprattutto con farmaci  “psichiatrici”, attivi a livello della trasmissione neuronale
  • dall'altra, la malattia psichiatrica come disturbo della mente, alterazione del “pensiero" cioè del frutto di un’attività  di elaborazione innata, sganciata dal  meccanicismo dei neurotrasmettitori, curabile  efficacemente solo con la psicoterapia  e non con i farmaci.

Pur consapevole della responsabilità di fattori energetici - emozionali nel determinismo di ogni malattia, umilmente ritengo che queste posizioni, qui estremamente semplificate, dimenticano di considerare la possibilità che fattori tossici ambientali condizionino la biologia umana, alterando funzionalmente organi ed apparati, sistema nervoso compreso, con ricaduta sull’ideazione, sulle abilità cognitive, sul comportamento.

Da secoli è noto che vino e altri alcoolici, abbondantemente  assunti, sono capaci di alterare pensiero e comportamento; il latte di papavero veniva usato per ridurre il dolore, il caffè  per tenere svegli i monaci durate le preghiere notturne nelle Abbazie.

La scoperta dei peptidi oppiati di origine alimentare risale a più di cinquanta anni fa: dal glutine mal digerito e dalla caseina  derivano molecole che possiedono effetto simile alla morfina, quindi stordimento, indifferenza per l’ambiente, innalzamento della soglia per il dolore.

Oggi si conoscono numerose altre molecole di origine digestiva che hanno effetto neurolettico, capaci di dare agitazione ai bambini, depressione dell’umore e difficoltà di memorizzazione negli adulti.

Dalla plastica delle bottiglie derivano falsi ormoni, dai lieviti intestinali  molecole che danno origine a catecolamine difettose, dai batteri intestinali molecole che rallentano il funzionamento del ciclo dell’acido citrico, processo fondamentale per la produzione di energia.

Ormoni e molecole vasoattive, pur di origine ambientale, quando massivamente liberate, provocano sintomi vegetativi: tachicardia, sudorazione, ipertensione, senso di oppressione al petto, difficoltà a respirare, sensazione di costrizione dell’esofago, malessere acuto .

Molti attacchi di panico possono derivare anche da ipertiroidismi funzionali, misconosciuti, mentre stanchezza cronica e fibromialgia sono associate a sofferenza dell’intestino, dove si trova il tessuto cromaffine, luogo elettivo di produzione di serotonina e istamina.

I metalli pesanti, sostanze naturalmente presenti nella crosta terrestre, sono conosciuti, da secoli, come veleni, capaci di  provocare  alterazioni comportamentali, da moderate a gravi, sino alle manifestazioni indicate come “pazzia”. La storia della medicina e la letteratura  ne riportano famosi ed illuminanti esempi. Recentemente, e piu’ modestamente, la mia pratica clinica degli ultimi dieci anni, mostra quanto siano intossicati gli organismi giovani e giovanissimi.

Ciò nonostante il ruolo della tossicità chimico-biologica  ambientale non viene nemmeno considerato dalla medicina  che elettivamente  si rivolge alle persone con  problemi del comportamento. Di conseguenza anche la  diagnostica  che chiamerò “corrente” è limitata e cieca:  gli esami di laboratorio abitualmente eseguiti, ecografie e imaging, non sono gli strumenti elettivi per indagare l’ambito  intossicatorio – disfunzionale –ormonale, che quindi resta nell’ombra, mentre la persona sofferente viene definita come mentalmente disturbata, quindi malata psichiatrica, cui spetta psicofarmaco e/o psicoterapia .

Tutto quel che potrebbe indirizzare ad una diversa comprensione dei disturbi mentali, viene ignorato, ostacolato, oscurato, negato quando si sollecita di prenderlo in considerazione.

Da medico e da essere umano ritengo che i pregiudizi non giovino al progresso individuale né al progredire in Sapienza dell’Arte Medica.

Personalmente mi sconforta il pensiero di tante donne con carenze nutrizionali multiple, disfunzione tiroidea, depressione e fibromialgia “trattate” con antidepressivi e antiinfiammatori, mentre mi sconcerta l’idea di una psicoterapia a bambini con Autismo, storditi dai peptidi oppioidi e cronicamente intossicati da piombo e mercurio.

Annunci

News in Pictures

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: