NANOPATOLOGIE: polveri, contaminazioni, vaccini.

Polveri finissime, solide, inorganiche, non biodegradabili entrano costantemente nel nostro organismo per non uscirne più e, nella prigione in cui sono costrette, sono fonte di una lista corposa di malattie, dall’infarto cardiaco all’ictus cerebrale, da una serie di cancri ancora non scoperta del tutto a malattie insospettabili come una forma di diabete, da malattie trascurate come la stanchezza cronica e la sensibilità chimica multipla a malattie del cervello: irritabilità, insonnia, perdita di memoria, tumore astrocitario… Poi ci sono le malattie di cui si sospetta e il sospetto è sempre più circostanziato dai fatti: Parkinson e Alzheimer, ormai diventati condizioni precoci negli adulti e difficoltà di apprendimento e autismo se quella roba arriva nel cervello dei bambini.

Quelle polveri, poi, sono capaci di passare da madre a feto, provocando aborti e malformazioni fetali a volte compatibili con la vita, una vita non certo augurabile. Da ultimo, le polveri, le nanoparticelle, sono capaci di entrare nel nucleo delle cellule scombinando il DNA con tutto quanto una situazione simile può comportare.

Tutto questo è stato scoperto da due italiani assolutamente sconosciuti alla stragrande maggioranza degl’italiani, Dott.ssa Antonietta Gatti e Dott. Stefano Montanarisosteniamoli attraverso l’apposita “donazione a favore della ricerca indipendente” che abbiamo attivato [tramite BuonaCausa.org] per la tutela della salute!

Questo breve filmato rappresenta l’1% delle risposte alle tante domande che ogni giorno ci pervengono. Guardatelo [è consigliato l’uso delle cuffie audio]… fissatevi bene in mente certi concetti e certe immagini… solo così potrete comprendere perché vale la pena mobilitarsi alla ricerca dei “fatti”… solo così comprenderete perché tanti bambini meritano “giustizia” e “difficilmente ci perdoneranno questo crimine”.

NANOPATOLOGIE: polveri, contaminazioni, vaccini. from Autismo & Vaccini on Vimeo.

Annunci

1 Commento