Advertisements

Uccisa da un vaccino esavalente

In data 1° luglio un giudice del Tribunale civile di Pesaro ha riconosciuto colpevole il Ministero della Salute e stabilito un maxi risarcimento di 200mila euro, più un vitalizio di circa 700 euro al mese e un ulteriore indennizzo ancora da quantificare [oltre agli arretrati calcolati dalla vaccinazione ad oggi], alla famiglia di una bambina pesarese di neanche 6 mesi morta in culla il 7 febbraio del 2003.

Il giudice ha riconosciuto il nesso causale che una serie di medici consulenti della famiglia, e poi lo stesso consulente del Tribunale, hanno stabilito tra la vaccinazione esavalente cui la bambina venne sottoposta in data 17 gennaio 2003 e la morte avvenuta a febbraio.

Da anni la letteratura accenna al fatto che spesso la sindrome della morte improvvisa del lattante [Sudden Infant Death Syndrome o SIDS­­] è preceduta da una vaccinazione.

Il Tribunale ha ritenuto di condividere l’assunto del consulente di parte della famiglia considerando che non è stata oggetto di contestazione la circostanza che la bambina godesse di buona salute fino al giorno prima dell’assunzione del vaccino.

Inoltre, come è stato dedotto dai ricorrenti e non controverso dal Ministero, la piccola nei primi tre mesi di vita è cresciuta in modo costante, per cui il suo stato di benessere precedente alla somministrazione della vaccinazione costituisce un dato assolutamente certo.

Infatti, per stabilire una correlazione causa-effetto tra un trattamento farmacologico e l’insorgenza di una patologia, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni :

  1. Le condizioni cliniche del paziente erano buone PRIMA della somministrazione del farmaco;

  2. Mancano possibili cause di insorgenza della patologia considerata, PRIMA della somministrazione del farmaco stesso;

  3. Vi sono state reazioni avverse alla  somministrazione  del farmaco, cioè reazioni insorte con una chiara correlazione temporale con la somministrazione;

  4. La letteratura medica riporta altri casi di simili effetti avversi;

  5. Esiste un meccanismo patogenetico plausibile  che possa spiegare l’effetto avverso.

Tutto ciò vale anche nel caso in cui il farmaco sia un vaccino anti-infettivo che esiti col decesso, oppure che esiti sia in una patologia invalidante sia in una cerebropatia ad espressione clinica comportamentale e cognitiva [AUTISMO]

Si allega il testo della Sentenza del Tribunale di Pesaro.

Sostieni la libera informazione sui vaccini
Advertisements

News in Pictures

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: