Libertà di scelta

libertà di sceltaTema complesso quello della libertà di scelta in campo vaccinale, o forse no..

Ogni volta che si parla di abolire l’obbligo vaccinale, si finisce sempre a discutere come se si volessero abolire le vaccinazioni, ma abolire l’obbligo, non significa vietare qualcosa, ma semmai restituire la facoltà di scelta.

Lo scopo della libertà di scelta, è quello di garantire ai genitori una corretta informazione al fine di poter scegliere liberamente e consapevolmente sulla salute dei propri figli.

Venendo a meno l’obbligo vaccinale, si rende necessaria la promozione di una campagna di informazione scientificamente e deontologicamente corretta per una scelta consapevole.
E’ forse questa informazione che si teme di dare? Si teme forse che le informazioni non siano tali da confutare i dubbi dei genitori?

Dopo tanto discutere, mi viene da pensare che forse il punto sia proprio questo: fornire l’informazione, la documentazione, le prove, tali per le quali ogni genitore senta di fare la cosa giusta nel sottoporre il proprio figlio alle vaccinazioni.

Andando a curiosare sul portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica, scopriamo quanto il tema del superamento dell’obbligo vaccinale sia in realtà un tema ampiamente condiviso:

Dallo stesso portale, possiamo apprendere che:

Sospendere l’obbligo di vaccinazione non significa necessariamente smantellare il sistema vaccinale, ma iniziare ad affrontare il problema del divario tra vaccinazioni obbligatorie, facoltative e raccomandate nell’ambito di un nuovo tipo di percorso.

Leggendo le varie osservazioni, possiamo notare come già dal 2006, questa “strada” fosse condivisa da fonti istituzionali.

A questo punto, mi chiedo, dopo 7 anni, cosa impedisca d’intraprendere questa strada a livello nazionale.
Forse c’è in gioco ben più che la semplice libertà di scelta, forse a qualcuno fa comodo così, mi vien da pensare…
d’altronde quella dell’obbligo è da sempre la scelta più facile (per loro) e nascondendosi dietro l’obbligo, ci si può permettere ad esempio, di non distribuire i bugiardini dei vaccini, come prassi, insieme alla lettera d’invito dell’Asl.

Voi prendereste un medicinale senza leggere il bugiardino? Eppure con i vaccini si fa, ed alcuni genitori, affermano che dietro esplicita richiesta, hanno si ricevuto i bugiardini, ma in lingue diverse dall’italiano.

Sempre sul tema dell’obbligo, ribadisce  il concetto il Prof. Tridente, Direttore Immunologia Università di Verona, facendo anche riferimento ad un’indicazione europea che invita gli stati membri a rendere facoltative tutte le vaccinazioni entro il 2010.

E’ infatti interessante osservare come si comportano a proposito le altre nazioni, comprese quelle europee, di cui la maggior parte non ha l’obbligo.

Attualmente, alle regioni è data facoltà di decidere la “strategia” vaccinale: ricordo che in Veneto è in vigore la legge sulla sospensione dell’obbligo vaccinale, che trovate qui.

I dati raccolti nel Veneto, dimostrano come questa scelta sia funzionale.

Se tutti siamo d’accordo sulla libertà di scelta, quale è l’ostacolo che non riusciamo a passare?
Di cosa si ha realmente “paura” ?

E’ importante notare che:
in caso di pandemie ecc.. l’obbligo viene ripristinato.

Forse, senza obbligo, ci sarebbero più cose da garantire, come per esempio, una serie di controlli sul bambino pre vaccinazione, come riporta fra l’altro, la Corte Costituzionale con sentenza 258 del 20-23/6/1994 ove dice espressamente che è “necessario porre in essere una complessa e articolata normativa di carattere tecnico che individui esami chimico-clinici idonei a prevedere e prevenire possibili complicanze da vaccinazione”.

Riporto due estratti:

“In questa prospettiva e per quanto innanzi premesso, emerge come le esigenze cautelative sottolineate dal Pretore già trovino un primo livello di risposta nella doverosità dell’osservanza, in sede di attuazione ed esecuzione del trattamento obbligatorio, di quelle <<cautele o … modalità che lo stato delle conoscenze scientifiche e l’arte prescrivono in relazione alla sua natura>>, e la cui violazione fonda appunto la tutela aquiliana ex art. 2043 cit.”

“Tuttavia il Pretore, evidentemente, ritiene necessaria una più puntuale ed espressa prescrizione di siffatte cautele mediante la previsione e specificazione a livello normativo dei singoli accertamenti preventivi idonei a ridurre, se non ad eliminare radicalmente, il rischio, che peraltro egli stesso riconosce percentualmente modesto, di lesioni alla integrità psico-fisica per complicanze da vaccino”.

– si può “imporre” l’esavalente ( 6 vaccini ) a fronte dei 4 obbligatori
– si possono evitare di dare spiegazioni dettagliate ai genitori (es: bugiardini)
– si possono evitare di fare esami preventivi al fine di ridurre il rischio di reazioni avverse
– ………..

Dovrebbe essere doveroso per ogni medico porsi la domanda se l’attuale approccio vaccinale, di un paese industrializzato, sia corretto o se non sia ora più saggio pensare di potenziare l’immunità aspecifica, al posto di quella specifica, impostando eventualmente una scheda vaccinale strettamente individualizzata in base alle caratteristiche personali e socio familiari del bambino e che tenga anche conto delle più recenti ricerche immunologiche.

Certo questo potrebbe voler dire rendere effettivamente disponibili le singole dosi da vaccino, in modo tale che se per esigenze dovessi fare il vaccino anti morbillo a mio figlio, potrei evitare di somministrargli anche l’anti parotite e rosolia.

Oppure potrei decidere di fare il dosaggio ematico degli anticorpi contro il tetano e scoprire, magari, che mio figlio ha un tasso di anticorpi antitetanici superiore alla soglia considerata protettiva dalla letteratura scientifica, cosa che rende di fatto inutile la vaccinazione tetanica, se non pericolosa per via del rischio di iperimmunizzazione.

E’ questo che significa libertà di scelta.. significa anche il poter scegliere il percorso più adatto per il proprio figlio, studiato con il proprio medico, e non adottare una strategia di vaccinazione di massa, che di fatto considera ogni bambino uguale all’altro.
Potrebbe anche voler dire fare un vaccino alla volta, rispettando i tempi tra una somministrazione e l’altra, in modo da valutare eventuali effetti negativi ed interrompere il piano vaccinale.

Come detto in precedenza, in questo momento, alle regioni è lasciata facoltà di decisione.. abbiamo visto sopra l’esempio del Veneto: in Lombardia, ad esempio, l’obbligatorietà permane, ma è previsto il dissenso informato: è sparita la coercizione, la segnalazione automatica al tribunale dei minori, e non è più prevista la sanzione amministrativa.

Qui trovate il sunto della delibera della Regione Lombardia  DELIBERAZIONE N. VIII/1587 DEL 22.12.2005

In fondo alla pagina del link soprariportato trovate:

in allegato il testo integrale del provvedimento, unitamente al pronunciamento del Tribunale dei minori aggiornato che lo recepisce (24 giugno 2010: rinnovato l’Accordo sull’adozione del percorso previsto dalla DGR n. 1587/2005 “Determinazioni in ordine alle vaccinazioni dell’età infantile e dell’adulto in Regione Lombardia per i soggetti inadempienti le vaccinazioni obbligatorie”. L’Accordo è stato siglato dalla Direzione Generale Sanità di Regione Lombardia e dal Presidente e dal Procuratore della Repubblica dei Tribunali dei Minorenni di Milano e Brescia e concerne la gestione dei casi di rifiuto delle vaccinazioni raccomandate.

Trovate inoltre un Decreto del Tribunale dei Minori di Milano di non luogo a procedere per limitazione della potestà genitoriale per mancata vaccinazione in base alla presente delibera (17 luglio 2008).

Alcuni diranno che praticamente l’obbligo non sussiste più: ma se non c’è obbligo, perché mai dovrei firmare una carta in cui dichiaro di non voler vaccinare mio figlio? E soprattutto: è possibile che in entrambi i casi, sia che vaccino o che non vaccino, devo firmare l’assunzione di responsabilità? E lo Stato quando si assume le proprie?

autismo e vaccini  sostienici

Sostieni la libera informazione sui vaccini

News in Pictures

  • trump-kennedy
  • sierogruppi-men-mondo
  • policlinico-gemelli
  • crack sanità
  • ilva
  • vaccinarsi-in-gravidanza
  • vaccinarsi-in-gravidanza

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: