Petizione contro la “Strategia” dell’UNAR e le direttive dell’OMS: proteggiamo i bambini!

A_difesa_dei_bambiniLa petizione sarà indirizzata a: il Presidente del Consiglio dei Ministri; il Ministro degli Interni; il Ministro dell’Istruzione; il Ministro per le Pari Opportunità; il Ministro della Salute; l’Autorità Garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza; la Commissione Parlamentare per l’infanzia.,

Contro la “Strategia nazionale” dell’UNAR

Con la presente petizioni chiediamo, in primo luogo, che si prendano provvedimenti per disapplicare e ritirar2e la “Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere (2013 -2015)” emanata dall’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, parte del Dipartimento per le Pari Opportunità. Questo documento infatti, piuttosto che promuovere valori veri, condivisi dal popolo italiano e coerenti con la Costituzione, promuove una vera e propria ideologia contro natura, sostenuta da una esigua minoranza, e che contrasta in molti punti con i principi costituzionali. (…).

Contro gli “Standards for Sexuality Education in Europe” dell’OMS

In secondo luogo, (…) chiediamo, in modo preventivo, che non venga data nessuna attuazione a, né vengano recepite in alcun modo da alcuna istituzione nazionale, le direttive dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sull’educazione sessuale, denominate: “Standards for Sexuality Education in Europe” (“Standard di Educazione Sessuale in Europa”) ed emanate, specificamente, dal “WHO Regional Office for Europe” e dal  “BZgA”.
Anche in questo documento si accoglie almeno parzialmente l’ideologia del genere (…) [ed esso propone] un’educazione sessuale sostanzialmente edonista, che parifica ogni “orientamento sessuale”, che promuove contraccezione e aborto come unici rimedi alle “gravidanze indesiderate”, che si basa su una sessualizzazione precoce del bambino, e che, almeno in un punto, istiga a comportamenti che potrebbero integrare la fattispecie di pedofilia. (…).

Per tutti questi motivi

Chiediamo dunque che venga posto in essere dalle autorità competenti ogni provvedimento necessario perché si ritiri, disapplichi, oppure perché si impedisca il recepimento e l’applicazione, della “Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere (2013 -2015)” e degli “Standards for Sexuality Education in Europe”. Nel caso di inerzia le stesse autorità si renderebbero gravemente complici della corruzione dell’infanzia e della lesione di diritti fondamentali degli individui e delle famiglie, ponendosi così fuori da ogni legalità, anche costituzionale.

LEGGI TUTTO

Annunci
Informazioni su Gabriele Milani 353 Articoli
infermiere, divenuto freelance per dovere di informazione, ma soprattutto padre di un bambino che ha presentato reazione avversa alla somministrazione dei vaccini anti-infettivi nella forma di ENCEFALOPATIA IMMUNO-ALLERGO-TOSSICA, che ha danneggiato lo sviluppo cerebrale ed evolutivo del bambino, sino a realizzare nel tempo il quadro clinico di disturbo autistico con grave deficit cognitivo.

2 Commenti

  1. MERAVIGLIOSA INIZIATIVA, MA VERRA’ VERAMENTE RECEPITA DAL NOSTRO GOVERNO E, SOPRATTUTTO DALLA GENTE COMUNE, DISTOLTA COM’E’ VOLUAMENTE DI CONTINUO DAI MEDIA SUI REALI PROBLEMI CHE AFFLIGGONO LA SALUTE PERSONALE DI OGNUNO DI NOI, IN RAPPORTO AL TEMA DELLA SALUTE COLLETTIVA, QUANDO ATTORNO A QUEST’ULTIMA, RUOTANO VORTICOSAMENTE GIGANTESCHI INTERESSI ECONOMICI LOBBISTICI? LO SPERO VIVAMENTE. GIORGIO TREMANTE