VAIOLO: a volte ritorna ….. dal ripostiglio che meno ti aspetti!

Qualche giorno fa, i funzionari del Center for Desease Control [CDC] hanno annunciato che sono state trovate fiale di vaiolo vecchie di decenni che erano state accantonate in un vecchio ripostiglio. Alcuni lavoratori hanno trovato le fiale in una scatola di cartone dimenticata mentre stavano ripulendo il ripostiglio.

Questa notizia segue un altro grande spavento provato a giugno al CDC, quando l’agenzia governativa ha annunciato che 86 dei suoi lavoratori della sede di Atlanta erano rimasti esposti accidentalmente all’Antrace.

Ora, al di là del facile sarcasmo in merito a “chi comanda quel baraccone?“, come sarà mai possibile abbandonare fiale di vaiolo del 1972 in un ripostiglio? Come fa un laboratorio governativo, che spesso decide il mercato mondiale dei vaccini, a commettere un errore così dilettantistico?

Nel 1979, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato il vaiolo eradicato dal mondo. L’ultimo caso di vaiolo si era verificato in Somalia nel 1977, seguito da due casi attribuibili ad un’esposizione in laboratorio nel 1978. Gli Stati Uniti hanno interrotto la vaccinazione contro il vaiolo nel 1972, per quanto riguarda i bambini, e nel 1976 per quanto riguarda gli operatori sanitari. L’esercito degli Stati Uniti ha continuato a vaccinare il personale militare fino al 1995. Due laboratori dell’OMS sono stati autorizzati a mantenere ceppi di virus del vaiolo.

Oggi si pensa che il virus del vaiolo e le capacità di utilizzarlo come strumento di bioterrorismo possono essere finiti in mani pericolose. Per questo gli Stati Uniti hanno ripreso la vaccinazione dei militari dal 2002 e hanno iniziato una campagna preventiva fra i civili nel 2003 per aumentare il grado di preparazione a un evento bioterroristico. L’unico risultato ottenuto finora è stato il riemergere della malattia perché, come abbiamo scritto più volte, la storia insegna che senza interrompere la vaccinazione sarebbe stato impensabile interrompere il flusso del vaiolo.

Il CDC è l’organizzazione governativa americana che gestisce la poco invidiabile situazione di aiutare a sviluppare i vaccini, contribuire al loro sviluppo, pagare per la loro somministrazione, essere responsabile per la loro sicurezza, raccogliere e diffondere i dati sul pericolo e sulla diffusione delle malattie: “una volpe a guardia di un pollaio” che, a quanto pare, nasconde una serie di sorprese nei propri ripostigli impolverati.

Riproduzione riservata ©

Annunci
Informazioni su Gabriele Milani 353 Articoli
infermiere, divenuto freelance per dovere di informazione, ma soprattutto padre di un bambino che ha presentato reazione avversa alla somministrazione dei vaccini anti-infettivi nella forma di ENCEFALOPATIA IMMUNO-ALLERGO-TOSSICA, che ha danneggiato lo sviluppo cerebrale ed evolutivo del bambino, sino a realizzare nel tempo il quadro clinico di disturbo autistico con grave deficit cognitivo.

Commenta per primo