AUTISMO: migliora con l’uso del tablet

Aggiungere un tablet alle cure riabilitative consuete aiuta i bambini con autismo a parlare e interagire di più, secondo uno studio pubblicato sul Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry.

I ricercatori, coordinati da Connie Kasari, psichiatra all’Università della California Los Angeles, hanno messo a confronto le capacità di linguaggio e comunicazione sociale di 61 bambini autistici dopo l’aggiunta o meno di un tablet alla terapia riabilitativa convenzionale, scoprendo che il dispositivo contribuisce a rafforzare l’effetto della terapia.

Tutti i bambini sono migliorati dopo il trattamento, ma i progressi maggiori sono stati osservati in quelli che avevano accesso a al tablet

esordisce Kasari, spiegando che il dispositivo portatile è stato usato prevalentemente nei momenti di gioco, in modo da aiutare i piccoli pazienti ad avviare una conversazione commentando ciò che stavano facendo.

Il tablet funziona perché stimola la vista offrendo un feedback uditivo. Per esempio, se i bambini pronunciavano male una parola, sentirla sul tablet li aiutava a dirla correttamente

riprende la psichiatra, sottolineando che la tavoletta parlante è solo uno strumento che funziona in quanto utilizzato in un trattamento volto a migliorare le capacità di comunicazione dei bambini. I piccoli pazienti che hanno preso parte allo studio avevano tra 5 e 8 anni, e tutti erano capaci di dire meno di 20 parole.

Circa il 30% dei piccoli pazienti con disturbi dello spettro autistico hanno scarsissime capacità verbali, a volte anche dopo anni di trattamento

ha aggiunto la ricercatrice.

Per i primi tre mesi, tutti i bambini hanno ricevuto due sedute di terapia per 2-3 ore settimanali, e dopo tre mesi quasi il 78% dei bambini nel gruppo tablet, contro il 62% di quelli senza, ha avuto una risposta precoce intesa come numero di parole pronunciate o nuove parole imparate.

Forte dei risultati preliminari, il team di ricerca sta pianificando di impiegare i dispositivi in uno studio di cinque anni su 200 bambini in quattro città.

Se i dati saranno confermati, la speranza è di usare i tablet nei programmi scolastici formando i genitori al loro uso anche a casa

conclude Kasari.

 

Riproduzione riservata ©

News in Pictures

  • trump-kennedy
  • sierogruppi-men-mondo
  • policlinico-gemelli
  • crack sanità
  • ilva
  • vaccinarsi-in-gravidanza
  • vaccinarsi-in-gravidanza

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: