Annunci

VITAMINA B12 – decresce con l’età ma diminuisce anzitempo nei soggetti autistici

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Public Library of Science One [PLOS One] ha scoperto che i livelli di vitamina B12 nel cervello sono notevolmente diminuiti negli anziani ma risultano precocemente molto più bassi nei soggetti affetti da autismo o da schizofrenia, rispetto ai loro coetanei. Per esempio, i bambini affetti da autismo di età inferiore ai 10 anni presentano livelli di vitamina B12 del cervello tre volte più bassi rispetto ai loro coetanei, equivalenti ai livelli rinvenuti in soggetti cinquantenni generalmente sani, a tal punto da indicare una diminuzione prematura di vitamina B12.

Richard DethIl team di ricerca internazionale guidato dal Prof. Richard Deth, Professore di Farmacologia presso la Nova Southeastern University [NSU], ha analizzato tessuti sani provenienti da donatori deceduti confrontandoli con altri tessuti ricevuti da donatori decuduti che erano affetti da autismo o da schizofrenia.

Questi risultati sono particolarmente significativi perché le differenze che abbiamo trovato nei livelli di vitamina B12 nel cervello invecchiato, con autismo e con schizofrenia, non si vedono normalmente nel sangue, dove i livelli di vitamina B12 sono solitamente ben calcolati.

ha affermato il Prof. Deth

Il grande deficit di vitamina B12 nel cervello di individui con autismo e schizofrenia potrebbe aiutare a spiegare perché i pazienti che soffrono di questi disturbi sperimentano sintomi neurologici e neuropsichiatrici.

Lo studio ha anche determinato che nella fascia di età tra 61 e 80 anni gli individui hanno livelli di vitamina B12 tre volte più bassi rispetto a gruppi più giovani, come risultato del normale invecchiamento. Questa diminuzione normale può aiutare a regolare il metabolismo del cervello per sostenere la sua funzione nel corso della vita.

Una forma attiva di vitamina B12 chiamata methylcobalamina, o MB12, sostiene il normale sviluppo del cervello attraverso il controllo di un noto processo conosciuto come regolazione epigenetica dell’espressione genica. Sorprendentemente, il livello cerebrale di MB12 è risultato essere più di 10 volte inferiore nei soggetti anziani sani rispetto a persone giovani sane. Un livello più basso di MB12 nel cervello può influire negativamente sul processo di neurosviluppo in individui giovani a tal punto da disturbare le capacità di apprendimento e di memoria anche nel corso della vita.

ciclo della metilazioneSia l’autismo che la schizofrenia sono associati a stress ossidativo, e lo stress ossidativo può essere alla base della diminuzione dei livelli vitamina B12 cerebrale osservati in questo studio. I risultati suggeriscono la necessità di ulteriori ricerche per determinare se l’uso di MB12 supplementare e antiossidanti come il glutathione possono aiutare a prevenire lo stress ossidativo ed essere utili nel trattamento di queste condizioni croniche ed invalidanti.

Nell’autismo è presente un danneggiamento del ciclo di metilazione, un meccanismo metabolico molto importante per il funzionamento del nostro corpo, e a causa di questo problema i bambini sono predisposti ad avere una bassa produzione di glutathione che gli impedisce di detossificarsi fisiologicamente.

Il methyl è come la moneta del corpo. Viene scambiato per la realizzazione di particolari lavori e poi viene riciclato. Questi lavori comprendono la sintesi delle proteine e la metilazione del DNA e RNA. Il methyl inoltre attiva o disattiva geni, aiuta a formare i neurotrasmettitori e le membrane cellulari. Sono questi compiti molto importanti. Aiuta anche a creare energia e poi può essere riciclato per formare queste molecole chiamate glutathione.

I bambini autistici hanno blocchi in diverse aree del ciclo di metilazione. Il risultato finale è che loro non producono glutathione. Se loro non lo riciclano, non mandano fuori il gruppo metilico per fare ciò per cui è necessario. Ecco perchè, ancor prima che i ricercatori comprendessero il motivo, avevano notato che un numero enorme di bambini autistici migliorava quando gli venivano fornite le vitamine B6, iniezioni di MB12, Zinco, Selenio, o Magnesio. Questi sono tutti cofattori a sostegno di questo ciclo.

Infine, ricordo che il Professor Richard Deth aveva illustrato anche con quale modalità le molecole di origine ambientale possano impedire, nei bambini autistici, la trascrizione di RNA messaggero da geni di per sé normalissimi. Tra questi fattori ambientali vi sono frazioni di DNA abbondantemente contenute nei vaccini anti-infettivi, sia come “avanzo” delle colture cellulari, sia perché i vaccini sono prodotti con tecnica a DNA ricombinante.

Riproduzione riservata ©

 

Annunci

News in Pictures

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: