Vaccini: che vogliamo fare?

Dott. Stefano Montanari_NanodiagnosticsOra noi siamo arrivati a quota 29 vaccini analizzati, qualcuno in un solo esemplare, altri in più campioni, altri ancora, in particolare quelli antinfluenzali, seguìti saltuariamente negli anni. In tutto fa un bel po’ di campioni.

L’ho già detto fino all’esaurimento: l’unico vaccino a dimostrarsi senza inquinanti sotto forma di particelle è stato il Feligen, un trivalente per gatti, il solo esemplare per uso veterinario che ci è capitato di controllare. Perché proprio quello fosse pulito non saprei dire.

Che cosa sono queste particelle è presto detto: sono pezzi solidi di materia inorganica, quasi sempre combinazioni di vari elementi chimici con una certa prevalenza, almeno da quanto vediamo in laboratorio, di ferro, cromo e nichel, vale a dire acciaio. La loro dimensione varia da qualche decina di micron (un micron è un millesimo di millimetro) giù fino a poche centinaia di nanometri (un nanometro è un milionesimo di millimetro). La loro forma, un parametro di grande importanza, è davvero la più varia, compresa quella sferica tipica delle produzioni ad alta temperatura.

Che questa roba non possa stare nei vaccini è un fatto indiscutibile. Che non sia gradita all’organismo è altrettanto indiscutibile. Del resto, chi sarebbe d’accordo se gli proponessero un’iniezione di pezzi di piombo o di tungsteno o di leghe della natura più strana e disparata? Nella migliore delle ipotesi queste particelle se ne vanno a distribuirsi per tutto l’organismo e ad aumentare la concentrazione di quelle che già ci sono, perché di polveri ce ne respiriamo e ce ne mangiamo quotidianamente grazie a tutti gl’inquinanti che scarichiamo nell’ambiente nella più completa indifferenza, quando non con la complicità, di legislatori e di enti di controllo.

Una delle obiezioni in forma di domanda retorica che mi sento rivolgere spesso è “ma che vuoi che faccia qualche granello di polvere nel vaccino a confronto con tutte quelle che ci entrano nell’organismo?” La risposta è che i processi d’introduzione e la loro efficienza nell’originare patologie sono ben diversi. Se io inspiro aria contenente particelle e ho i polmoni e le vie respiratorie in generale in buone condizioni, espirando espellerò la stragrande maggioranza di quanto è entrato. Se io ingerisco cibo inquinato da polveri, saranno solo quelle che resteranno in qualche modo in contatto con le pareti dell’apparato digerente ad avere probabilità di entrare stabilmente nell’organismo. Tutto il resto, anche in questo caso la stragrande maggioranza, sarà eliminato con le feci. Spero non mi si voglia strumentalmente fraintendere: il poco che resta è indubbiamente patogeno e va pure considerata la continuità con cui questi inquinanti ci entrano nel corpo.

La differenza principale con quanto viene iniettato è che, in quella circostanza, tutte le particelle restano nell’organismo senza alcuna possibilità di eliminazione e, per di più, si ritrovano concentrate in un volume piccolissimo. Il dramma avviene quando, per puro caso o, comunque, per motivi e secondo meccanismi che di fatto non conosciamo, quelle polveri, trasportate dal sangue, finiscono a livello del sistema nervoso centrale e, segnatamente, nel cervello. Teniamo conto che, per funzionare, un vaccino deve esercitare un’azione infiammatoria nei riguardi dei tessuti e il tessuto del cervello, dal punto di vista dell’essere prono ad infiammarsi, non differisce in modo significativo da qualunque altro tessuto. Ecco, allora, che all’azione di agente infiammatorio prevista del vaccino va ad aggiungersi, possibilmente con effetti sinergici, quella infiammatoria delle particelle in quanto corpo estraneo. Va anche tenuto conto di come l’aggressività delle particelle sia inversamente proporzionale alle loro dimensioni. Quelle sufficientemente piccole sono comprensibilmente più capaci di penetrare nei tessuti, tanto da potersi insinuare fino al nucleo delle cellule. Si consideri, inoltre, che, mentre l’infiammazione del vaccino si conclude nel giro di qualche giorno, quella esercitata dalle particelle che continuiamo a trovare nei vaccini dura per sempre a causa della non biodegradabilità di quei corpi estranei. Insomma, dove finiscono la loro corsa restano. Volere cocciutamente ignorare queste ovvietà, peraltro dimostrate da anni inconfutabilmente e in modo diretto fotografando il fenomeno, è a dir poco sospetto.

A questo punto credo sia del tutto legittimo chiedersi come facciano quei granelli a finire nei vaccini. La mia risposta è che non lo so. Non lo so per prima cosa perché il fenomeno è del tutto in contrasto con quella che è la cosiddetta Good Manufacturing Practice, in italiano le norme di buona fabbricazione, cioè le regole da seguire per produrre farmaci ineccepibili. Tutte le soluzioni iniettabili vanno obbligatoriamente preparate in ambienti in cui di polveri non ci dovrebbe essere nemmeno vaga traccia e, comunque, quei farmaci dovrebbero sottostare a controlli del tutto stringenti già a livello di fabbrica. Ammettendo pure che, a mio parere incredibilmente, dalla ditta esca qualcosa che non ci dovrebbe essere, ecco che gli enti di controllo che, detto a margine, ci costano un patrimonio ed esistono ufficialmente al solo scopo di proteggere la nostra salute, dovrebbero immediatamente intervenire bloccando quanto meno e senza por tempo in mezzo il lotto di produzione. E, invece, nulla di tutto ciò accade e i vaccini in distribuzione pare continuino allegramente a contenere porcherie. E non lo so perché nessuna ditta farmaceutica mi fa entrare a vedere come lavora e, soprattutto, come controlla. Inutile dire che altrettanto gelosi della loro privacy sono gli enti di controllo.

Naturalmente, quando, seppure a fatica, si riesce a toccare l’argomento, chi dovrebbe controllare e non controlla, chi dovrebbe vigilare sulla salute e non vigila, chi ci dovrebbe curare e fa tutt’altro, chi ci dovrebbe informare e mente reagisce: Quello che trovate non esiste. Quello che dite di trovare non è pubblicato nelle riviste. Se anche c’è, quella roba è innocua. Magari gl’inquinanti che trovate sono solo nelle fiale che avete analizzato.

Mi dispiace non solo perdere tempo ma farlo perdere a chi ha la pazienza di leggermi, ma ripeterò per l’ennesima volta quanto ho già detto e scritto innumerevoli volte, tutte, evidentemente, senza esito come è costume nelle barzellette-tormentone e, soprattutto, come avviene quando ci si rivolge a chi reputa la parola onestà un residuo di un passato di cui ridere ormai relegato alle pagine di un vocabolario polveroso.

Dire che quello che troviamo non esiste è a dir poco bizzarro. Le fotografie al microscopio elettronico sono indiscutibili e così le analisi mediante spettroscopia a dispersione di energia, tutte metodiche senza possibilità di errore. Dopotutto anche Roberto Biasio, ora ex-direttore medico della Sanofi Pasteur, una volta che, ancora in carica, si trovò di fronte ai risultati delle analisi sul suo Gardasil e dopo che ci venne a trovare in laboratorio ammise pubblicamente che le nostre analisi sono ineccepibili. Dunque, quella roba c’è e basta. Giusto per aggiungere informazione, le analisi sono state effettuate nel tempo da noi in quattro laboratori diversi e gl’inquinanti trovati sono sempre stati piuttosto differenti, ricordando la presenza relativamente frequente dell’acciaio in particelle, però, contenenti quasi in ogni caso anche altri elementi variabili oltre al ferro, al cromo e al nichel, e con forme anche molto diverse.

Sulle riviste ci sarebbe moltissimo da dire. In breve e lasciando da parte il fatto che, come scrive il redattore capo di The Lancet, almeno metà di ciò che diffondono è falso, sono tutte pesantemente sponsorizzate dalle ditte farmaceutiche e nessuna oserebbe mai pubblicare qualcosa che metterebbe a rischio l’arrivo dei quattrini di cui non potrebbero fare a meno, pena la chiusura. Diversi risultati, comunque, sono stati pubblicati sul libro A.M Gatti e S. MontanariCase Studies in Nanotoxicology and Particle Toxicology – edito da Elsevier Academic Press (il maggiore editore medico del mondo) con un testo passato attraverso il setaccio severissimo di scienziati anonimi. A livello divulgativo i risultati si trovano in S. Montanari, A.M. GattiVaccini: Sì o No?Macroedizioni. Resta il fatto ovvio che un veleno è tale sia che il suo nome sia pubblicato su una rivista medica sia che sia pubblicato sul compianto Corriere dei Piccoli sia che non sia pubblicato affatto. Ma poi, se io racconto fandonie, perché non arrivano i Carabinieri con i pennacchi e con le armi a portarmi via, magari in manicomio?

Proseguendo con le risposte, dire che le particelle sono o potrebbero essere innocue significa semplicemente ignorare almeno gli ultimi 15 anni di Medicina, cosa che, ahimè, è tristemente diffusa tra i medici la cui cultura è quella che viene fatta loro arrivare dalle ditte farmaceutiche, ormai da anni le detentrici assolute della cultura sanitaria, troppo spesso distorta a fini di lucro, che viene fatta passare diventando una sorta di verità rivelata senza necessità di supporto obiettivo. Anzi, chi osasse chiedere dimostrazioni reali sarebbe condannato per eresia. I medici che fanno eccezione e che vorrebbero il diritto di usare il proprio discernimento rischiano il posto e, magari, addirittura sanzioni penali.

Pretendere che gl’inquinanti sarebbero solo nei campioni analizzati (che sono ormai davvero tanti) equivale a credere che si possa vincere alla lotteria tutte le settimane per mesi di seguito senza sbagliare un colpo. È chiaro che, quando sono coinvolti nel tema personaggi la cui carriera e la cui prosperità dipendono dalla “generosità” di un più o meno corposo elenco di case farmaceutiche e quando chi fa informazione tiene famiglia, i risultati non possono altro che essere le mortificanti stravaganze che ci troviamo abitualmente servite in tavola nella più totale indifferenza quando non tra gli applausi. Dal canto mio, io ho tutto da perdere analizzando i vaccini ma, per me da sempre, la coscienza ha il sopravvento e a ficcare il naso continuo.

Da ultimo, chiarisco la mia posizione per chi ancora non l’avesse colta. Se vogliamo salvare i vaccini per quello che, eventualmente, ci possono dare, dobbiamo liberarli dalle porcherie che contengono (che non sono solo le particelle) e da tutta la sottocultura, le squallide menzogne e gli ancora più squallidi interessi che li soffocano. Fare pulizia in ogni senso è ormai improrogabile. Che vogliamo fare?

Stefano Montanari
Laboratorio Nanodiagnostics
Modena

 

Riproduzione riservata ©

Annunci

6 Commenti

  1. Gentile dott. Montanari, in effetti ho da poco cominciato ad interessarmi di questo problema e non sapevo che avesse già interessato la magistratura del problema. Concordo sul fatto che “devono essere i cittadini ad attivarsi”, nel mio piccolo ci proverò. Ha tutta la mia stima. Cordiali saluti.

  2. Gentile sig.ra Lapina,

    Temo che Lei non abbia ascoltato o letto quello che dico e scrivo da anni. I risultati delle analisi sono stati consegnati ai NAS due volte, la prima nel 2011. Poi una Procura della Repubblica ci ha chiesto di analizzare vari campioni di un vaccino, cosa che facemmo trovando il non più sorprendente inquinamento in tutti i campioni. Nell’autunno scorso ho relazionato al Parlamento francese a Parigi. Sull argomento ho parlato in radio e in TV e ho scritto un libro divulgativo (Vaccini: Sì o No?) e un capitolo di un libro scientifico (Case Studies in Nanotoxicology). Se la Magistratura se ne infischia, se l’Istituto superiore di sanità continua a stupirci (“Nessun farmaco è più controllato dei vaccini”), se la stessa ministra della salute, per quello che vale, racconta frottole grottesche, se l’informazione di regime mente, che posso fare io oltre a quello che ho fatto? Dovrebbero essere i cittadini ad attivarsi invece di dormire o, peggio, d’insultarmi. In fondo, la salute è la loro perché alla mia ci penso da solo.

    Cordialmente,

    dott. Stefano Montanari

  3. Gentile Signora,

    la Magistratura è governata dalla Politica e quei pochi Magistrati “liberi” di attuare indagini approfondite, a tutela dei cittadini, per tutto ringraziamento si ritrovano con il loro pool completamente smembrato. Potremmo menzionare una serie innumerevole di esempi di Procure con le quali collaboriamo da tempo.
    Poi, di norma, le indagini sono commissionate ai NAS che dipendono direttamente dal Ministero della Salute. Anche in questo caso, la Politica può interferire pesantemente con le indagini dei NAS.
    Forse non se ne sarà accorta ma i tempi che stiamo vivendo parlano chiaro: è in atto una vera e propria “dittatura sanitaria” che cerca di imporre regole in netto contrasto con i sacrosanti liberi diritti dell’uomo in ogni ambito, sia esso vaccinale che terapeutico, oltre che di libera discrezione (in Scienza e Coscienza) della figura del Medico.
    Altresì, nel nostro ordinamento giuridico non esistono le basi per effettuare una class action ma le possiamo assicurare che innumerevoli famiglie hanno inoltrato esposti e denunce in più Procure.
    Noi stessi l’abbiamo fatto nel 2012, in occasione della contaminazione del vaccino esavalente Infanrix Hexa, verso la Procura di Torino e di Milano.
    Per riservatezza non possiamo divulgare la documentazione, ma possiamo assicurarla che è in atto una dura lotta tra taluni “poteri forti” e le Associazioni dei consumatori.

    Cordialità

  4. Mi scusi dottore…forse dico cose non precise…ma:

    1. Se veramente ci sono gli inquinanti da lei rilevati nei vaccini (non ne dubito)
    2. Se gli effetti potrebbero essere quelli da Lei descritti (non ne dubito)
    3. Se i campioni esaminati sono tratti da lotti effettivamente somministrati (non ne dubito)
    4. Se quindi siamo in presenza di una somministrazione di massa di sostanze molto pericolose/velenose…

    non sarebbe il caso di procedere con un esposto alla magistratura (magari in più sedi)? Grazie

  5. Cara signora Galasso, per principio io non do consigli a nessuno. I dati scientifici io li ho riferiti numerosissime volte e nessuno mi ha mai smentito. Chieda al suo pediatra se ha mai analizzato un vaccino, se prescriverebbe di iniettare frammenti di piombo, di tungsteno, di acciaio e, comunque, di corpi estranei all’organismo non biodegradabili e non biocompatibili. Gli chieda se ha mai letto un bugiardino fino in fondo e se ne ha compreso il significato. Gli chieda se è al corrente della sperimentazione che viene fatta di regola su tutti i vaccini correnti. Gli chieda se è al corrente del grado di protezione effettivo che il vacxcino offre. Gli chieda di sottoscrivere un’assunzione totale di responsabilità se lei pratica il vaccino. Poi, faccia lei. Io ormai sono vacchio, faccio ricerca medica dal 1972 e non sopporto più chi parla a vanvera citando esternazioni altrui sulle quali è obbligatorio fare atti di fede.

  6. Gentile dott. Monatanari, devo sottoporre la mia secondogenita all’esavalente, ora ha quasi 6 mesi e ho aspettato perché ha avuto influenza, non le nascondo che sono molto confusa sull’argomento. Ci sono articoli come il suo che gettano un’ombra inquietante sui possibili effetti a lungo termine, ma dall’altra parte ci sono i discorsi terrorizzanti dei pediatri che ti raccontano cosa succedeva quando non si vaccinava contro hib, con bambini danneggiati da meningiti o deceduti. Ho vaccinato la mia primogenita seguendo calendario, ma non ho ancora fatto i richiami dei 5 anni perché ha avuto un teratoma benigno ed è sottocontrollo, ma mi hanno consigliato di concludere comunque calendario vaccinale. Ora io vorrei solo capire quale è il rischio minore, vaccinare in parte rimandarle quando il bambino è più grande? o non vaccinare affatto? E mi chiedo come mai ho un nipote che è stato vaccinato a praticamente tutto e da piccolo, e ora diciottenne, si ammala raramente. Sono molto combatutta ma vorrei avere a supporto dati scientifici e non solo supposizioni… Grazie mille