Annunci

AUTISMO: dati invariati negli Stati Uniti ma un nuovo informatore denuncia errori volontari da parte dei CDC

Nel vorticoso susseguirsi di colpi di scena riguardante la divulgazione del film ‘Vaccinati: dall’occultamento alla catastrofe‘, e tra una manifestazione più o meno folkloristica per la IX Giornata Mondiale della consapevolezza sull’autismo, qualcuno potrebbe avere perso per strada il recente annuncio dei CDC: il tasso di autismo è rimasto invariato a 1 a 68.

addm 2010

addm 2012

Questo sorprendente dato statistico si riferisce ai bambini nati nel 2004, e valutati nell’anno 2012. Forse perché il numero non è cambiato dall’ultima relazione di due anni fa, la notizia non ha fatto alcun botto. Eppure c’è qualcosa di altrettanto scioccante.

Un nuovo caso giudiziario avverso ai CDC

I difetti cruciali nella raccolta dati dei CDC riguardano la sorveglianza e la progettazione della raccolta dati che rasenta il limite della negligenza, dell’ignoranza e della frode. E’ ciò che emerge in questi giorni a seguito di una nuova causa giudiziaria presentata dalla Dottoressa Judith Pinborough-Zimmerman, nello Stato americano dello Utah, dopo essere stata licenziata dal centro di raccolta dati governativo della Rete ADDM [Osservatorio per l’Autismo e Disabilità Comportamentali] in cui lavorava.

Nei documenti depositati il 4 gennaio 2016 presso il Tribunale federale dello Utah [Case No. 2:13-cv-1131], l’ex ricercatrice principale per la Rete ADDM dello Utah, Dottoressa Judith Pinborough-Zimmerman, ha chiamato in causa il suo datore di lavoro.

La Dottoressa Judith Pinborough-Zimmerman era un impiegato di merito dell’Università fino a quando lei non ha accusato il suo supervisore di cattiva condotta di ricerca e di cattiva condotta etica.

Il supervisore ha messo in atto un comportamento vendicativo, insieme ad alcuni complici, nei confronti della Dottoressa Judith Pinborough-Zimmerman per aver sollevato questioni giuridiche ed etiche di scorrettezza nei dipendenti, e sono state attuate forme di mobbing più o meno gravi azioni: limitazione della libertà di parola; limitazioni in merito all’età; limitazioni in merito alla disabilità; limitazioni in merito alla religione.

Le deposizioni della Dottoressa Judith Pinborough-Zimmerman a carico dei suoi ex colleghi suggeriscono che gli errori dei dati sono gravi e hanno il potenziale per produrre grandi differenze nei tassi di autismo segnalati nello Stato dello Utah.

Nel Report 2008 ADDM Network, i tassi di autismo nello Utah erano tra i più alti del paese con un’incidenza di 1 bambino ogni 47. Mentre nella relazione del 2012, pubblicata dai CDC, i tassi di autismo nello Utah sono crollati quasi del 20% con un’incidenza di 1 bambino ogni 58, quando la maggior parte degli altri siti della rete ADDM hanno segnalato statistiche in aumento o più o meno stabili anche per effetto del colpo di spugna delle nuove revisioni diagnostiche del DSM V.

La Dottoressa Judith Pinborough-Zimmerman, ex direttore del sito ADDM dello Utah, ha denunciato e testimoniato, sotto giuramento, che:

  1. i ricercatori universitari hanno pubblicato i dati con nomi di persone che non avevano mai partecipato ai lavori;
  2. i dati contenevano errori mai revisionati né corretti;
  3. il fatto che siano stati riportati errori nei dati, è significativo di cattiva condotta nella ricerca;
  4. a dicembre 2012 sono state riferite identiche all’ufficio Privacy e sicurezza del Dipartimento di Salute e Servizi Umani degli Stati Uniti e agli stessi CDC.

Inoltre, ulteriori prove di errori mai revisionati né corretti risultano agli atti dalla deposizione di un impiegato del sito ADDM Utah, la Sig.ra Amy Henderson, a seguito di corrispondenze e-mail con alcuni statistici dei CDC.

Il CDC continua a travisare l’aumento allarmante dei tassi di autismo dalla fine degli anni ’80

Per tutti coloro che seguono da sempre il problema statistico è ormai un dato di fatto che il progetto di raccolta dati è stato progettato male, e prosegue a fare malissimo per una serie di motivazioni:

  1. I report di Rete ADDM iniziano con i bambini nati nel 1992, e perdono il punto di flesso cruciale dei tassi di autismo intorno al 1990. Tuttavia proprio il CDC con le statistiche del New Jersey, sito ADDM precoce, mostra che i tassi per il disturbo autistico passano dallo ZERO negli anni di nascita 1988-89 a 1 bambino ogni 128 entro il 1993.
    slide 1Questo punto di flesso si presenta in altri luoghi e in altri studi. I primi due studi dei CDC erano relativi al New Jersey e alla Georgia.
  2. La raccolta dei dati nel New Jersey, che a detta di tutti ha alcuni dei migliori metodi di raccolta, mostra il tasso più alto di autismo1 bambino ogni 46 – nel sistema ADDM che determina il tasso nazionale. In più è ben risaputo che ad Atlanta [Georgia] il CDC ha fatto propria la sorveglianza di autismo e contiene dati risalenti al coorte di nascita 1986.
    slide 2
    slide 3
  3. la raccolta dati considera solo la coorte di nascita del 2004. Ovvero, 4 anni in ritardo e 12 anni oltre il problema. Se si vuole analizzare le tendenze del tempo, si deve essere sicuri di catturare la storia “prima e dopo” un punto di flesso, in modo che si possa rispondere alla domanda:  “cosa è successo? … e quando?“.  Questo è ciò che si dovrebbe fare se vi fosse onestà.
  4. la copertura statistica per Stato è parziale e di parte, per esempio:
    – cos’è successo allo Utah e al New Jersey per gli anni di nascita 1996/98?
    – cos’è successo a Brick NJ / Ocean County, la prima area studiata nel New Jersey, che ha incluso negli ADDM con gli anni nascita 1992, 1994, 2002, 2004  escludendo però l’anno di nascita 2000?
    – perché non figurano Stati con i tassi più alti, quali Minnesota, Oregon e Maine?
    – perché sono avviati così tanti programmi statali [Florida, Alabama, Pennsylvania, West Virginia] e poi si fermano?
    Quando si aggiungono gli Stati [alla rete di sorveglianza] non si dovrebbe essere così fantasiosi a tal punto da mettere e togliere più volte gli Stati che fanno comodo e quelli che creano disturbo, ovvero “cucinare i dati“. Tutto ciò genera una gestione incostante della rete di Stato e fornisce una dimensione travisata del problema.
  5. le domande critiche che rimangono senza risposta suggeriscono un’ignoranza volontaria da parte dei CDC.
    Perché i primi anni di nascita in Georgia, recentemente pubblicati altrove, non sono stati inclusi? Infatti, dall’inizio di questo triste spettacolo, risulta un aumento 10 volte maggiore nell’arco di tempo 1986-2004.
    Perché i primi anni di nascita in New Jsersey, che sono stati raccolti in precedenza, non sono più segnalati? Come già scritto, il New Jersey aveva il tasso più nelle nascite del 2004 nascite ma aveva un’aliquota pari a “ZERO” per il disturbo autistico negli anni 1988/89.

Il caso assurdo dello Utah

Nella lettura dei documenti del tribunale, appare evidente come stavano mettendo molta pressione sulla Dottoressa Zimmerman per attuare azioni dolose prive di etica.

E’ altresì probabile che la Dottoressa Zimmerman credeva reale l’incremento nei tassi di autismo, perché aveva effettuato ricerche in merito al nesso di causalità ambientale.

E’ facile pensare che questi dati fossero appetibili per coloro che cavalcano l’ipotesi ambientale. Ma, da quanto emerge dalle indagini, c’è il forte sospetto che vi sia stato un accordo tra il centro universitario e il CDC per invitare la Dottoressa Zimmerman, più o meno cortesemente,  a tralasciare la problematica.

In caso contrario, i numeri dello Utah non sarebbero scesi così improvvisamente.

slide 5

Ci sono stati “errori non corretti“, denuncia e documenta la Dottoressa Zimmerman, che ha ottenuto e presentato in sede giudiziaria i dati definitivi – e che sono parte di ciò su cui si fonda la causa.

Se fossero stati inseriti dati corretti, oggi le stime generali di autismo negli Stati Uniti potrebbero aggirarsi intorno a 1 bambino ogni 50 [ovvero il 2%].

Riproduzione riservata ©

Annunci

News in Pictures

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: