Annunci

Dr. Andrew Wakefield: i tempi sono maturi per il suo reintegro nella professione medica

Qualche settimana fa il Dr. Andrew Wakefield è stato ospite alla conferenza di una delle più importanti associazioni americane, AutismOne, dov’è stato proiettato il film denuncia Vaxxed relativo alla frode autismo vaccinazioni organizzata ai CDC.

Il Dr. Andrew Wakefield ha affermato che prenderà in considerazione “molto, molto seriamente l’eventualità che sia ripristinata la sua licenza medica. La sua affermazione è stata accolta con applausi e acclamazioni da parte del pubblico presente in sala, e gli è stata tributata una lunghissima standing ovation.

Il Dr. Wakefield ha dapprima espresso l’interesse per vedere ripristinata la sua licenza medica, e successivamente è stata divulgata una lettera ricevuta dal General Medical Council del Regno Unito [GMC – Ordine dei Medici britannico], dove è chiaramente scritto che si prenderà in considerazione la sua domanda di reintegro e “qualsiasi ulteriore elemento” che egli fornirà. 

Inoltre, la sera del 28 maggio u.s., il Dr. Wakefield ha ricevuto un’ulteriore lieta notizia che comporta un notevole cambiamento alle storie romanzate che vengono diffuse da taluni manipolatori dell’informazione, e da noti pennivendoli associati ai media nostrani, che contribuiscono a mantenere il livello informativo italico al di sotto del Burundi.

Infatti, proprio quel giorno il Comitato Etico del Servizio Sanitario Nazionale [NHS] ha espresso il proprio parere in merito a una delle accuse mosse dal GMC britannico e dai detrattori che maltrattano questo medico. Di fatto il Dr. Wakefield è stato riabilitato dall’accusa di aver organizzato prelievi di sangue a bambini presenti alla festa di compleanno di suo figlio, in quanto tali norme non possono essere applicate a quei bambini perché non erano suoi pazienti. Quindi le accuse deliberate sono state totalmente annullate.

Ricordiamo che tutte le accuse del GMC sono frutto di invenzioni e manipolazioni del giornalista disinformatore Brian Deer. Il giornalista investigativo Brian Deer ha messo in atto una missione per screditare il Dr. Wakefield. Il suo rapporto non è un articolo scientifico, ma piuttosto un articolo da opinionista che non si concentra sulla constatazione scientifica dell’esistenza o meno del fatto che i bambini autistici hanno un’infiammazione nel loro tratto gastrointestinale, che rappresenta il punto cruciale dello studio originale.

Brian Deer è il reporter che ha crocefisso pubblicamente il Dottor Wakefield dalle pagine del Sunday Times, ovvero dal giornale allora gestito da Rupert Murdoch, il cui figlio James Murdoch sedeva nel consiglio d’amministrazione della GlaxoSmithKline che produce il vaccino MMR.

Tutte le falsità divulgate da questo giornalista hanno causato la revoca della licenza medica del Dr. Wakefield che, di fatto, è decaduta quattro anni fa a seguito dell’assoluzione del Prof. Walker Smith [primario di Wakefield all’epoca dei fatti svoltisi al Royal Free Hospital di Londra]. In sostanza, è emerso che:

  1. Lo studio di The Lancet del 1998 era un rapporto precoce dei casi visto in ordine progressivo in base alla necessità clinica e non aveva nulla a che fare con il progetto finanziato dal Legal Aid Board.
  2. I bambini segnalati nello studio The Lancet del 1998 erano molto malati, sono state garantite serie indagini cliniche e le indagini condotte erano interamente appropriate per le esigenze dei bambini.
  3. Le accuse di truffa basate su interpretazioni errate, propagate dal giornalista Brian Deer, dal politico Evan Harris, dalla stampa di Murdoch e dal British Medical Journal [con l’approvazione del GMC] sono risultate infondate.

Purtroppo, ad oggi, la licenza medica del Dr. Wakefield rimane revocata e quelle carte permangono congelate. Ma vedersi ripristinare la licenza medica toglierebbe definitivamente, una volta per tutte, il paravento degli alibi che sono sbandierati da coloro che tendono a negare l’evidenza della correlazione tra Disturbi dello Spettro Autistico e vaccinazioni.

Il motivo per cui si prosegue a negare questa evidenza è racchiuso semplicemente in una fallacia logica denominata “cherry picking“, utilizzata sovente dalle multinazionali del farmaco, e conosciuta anche come “fallacia dell’evidenza” oppure “soppressione dell’evidenza“.

Infatti, se negli studi scientifici sponsorizzati dalle multinazionali del farmaco ci si limita a cercare tutto ciò che è stato scritto in materia e si cercano appositamente prove a favore della propria conclusione/speculazione preferita [ovvero che i vaccini non causano autismo], probabilmente si trovano, ma al contempo sono ignorate anche tutte le evidenze scientifiche contrarie, comprese quelle indipendenti che confutano specificamente quest’asserzione.

Nel campo complesso dei Disturbi dello Spettro Autistico dovrebbe contare l’insieme di tutte le evidenze, anziché le singole evidenze a favore di ciò che le multinazionali del farmaco pretendono di far credere pur di vendere i propri prodotti.

Ad oggi, l’evidenza scientifica globale dimostra che non esistono studi che smentiscono con certezza la correlazione tra Disturbi dello Spettro Autistico e vaccinazioni, e quelli che sono stati pubblicati sono fortemente manipolati: l’ultimo di questi è lo studio pubblicato su Jama un anno fa che pretendeva di smentire il rapporto fra immunizzazione e questa patologia. L’indagine era stata condotta su ben 95.000 bambini, tutti con fratelli più grandi, alcuni dei quali autistici, ed aveva accertato che il vaccino contro morbillo-parotite-rosolia non era associato a un aumento del rischio di disturbi dello spettro autistico. Tuttavia, come abbiamo spiegato nel nostro articolo Vaccini e autismo: un nuovo studio smentisce correlazione ma c’è il barbatrucco, lo studio è stato oggetto di innumerevoli errori, manipolazioni e speculazioni, proprio per ottenere il risultato prestabilito.

Al contrario, vi sono molti altri studi che considerano il Disturbo dello Spettro Autistico come espressione di una “sindrome” neuroinfiammatoria ad origine autoimmune scatenata dalle vaccinazioni e dai suoi eccipienti.

Mentre il pubblico omaggiava il Dr. Wakefield con una standing ovation, dopo aver espresso il suo rinnovato interesse per il ripristino della sua licenza medica, lo stesso concludeva il suo discorso affermando che

se sarò vendicato allora sarà dato finalmente credito alla storia di migliaia di genitori“.

E dal pubblico si è alzata forte la speranza nel quale confidano sempre più genitori, fino a quando un genitore non ha urlato:

Noi abbiamo bisogno di più medici come te in questo mondo. È necessario che ti venga restituita la licenza“.

Ad oggi, più di un Tribunale ha rilevato che non vi è stata nessuna violazione dei doveri professionali, né frode scientifica.

Ad oggi, più di uno studio ha confermato che i bambini con autismo regressivo hanno davvero risultati gastrointestinali molto particolari e unici, esattamente come Wakefield e collaboratori riportarono nel 1998.

Ad oggi, come riportato anche dalle dichiarazioni dell’incallita ipervaccinatrice Professoressa Susanna Esposito, direttore dell’Unità di Pediatria ad alta intensità di cura della Fondazione Policlinico e dell’Università degli Studi di Milano e Presidente dell’Associazione mondiale per le malattie infettive ed i disordini immunologici, la comunità scientifica più radicale avvalla concettualmente le conclusioni dello studio primario del Dr. Andrew Wakefield,

I dati di ricerche nel modello animale, in bambini con disturbi dello spettro autistico e nei loro familiari hanno dimostrato che sintomi gastrointestinali e alterazioni nel microbiota sono spesso associati a disturbi neuro-comportamentali nei pazienti affetti da autismo“.

Il microbiota riveste nell’intestino importanti funzioni fisiologiche quali la maturazione del sistema immunitario, la degradazione di macromolecole alimentari complesse, la detossicazione, la produzione e l’assorbimento di vitamine e minerali, e influenza anche il comportamento“. 

Il sistema immunitario ha sviluppato degli strumenti per convivere con il microbiota, ma anche per tenerlo sotto controllo. Quando questo controllo viene meno avviene la disbiosi, cioè una de-regolamentazione delle comunità batteriche che non si manifesta sempre con diarrea o stipsi, ma può portare ad altri disturbi infiammatori. In alcuni casi come chiara patologia infiammatoria gastrointestinale, in altri come allergie, obesità o diabete e, non ultimo, l’autismo“.

Ad oggi, le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Acip [Advisory committee on immunization practices] e Aafp [the American academy of family physicians] non sembrano assolutamente adeguate per promuovere una corretta sicurezza vaccinale e anche per rispettare il “principio di precauzione” che dovrebbe essere il pilastro di ogni intervento sanitario.

Ecco quindi che si prosegue ad affermare che non si conoscono la cause dell’autismo. Si prosegue ad affermare che l’autismo è un disturbo del neurosviluppo le cui cause non sono chiare ma, stanti queste asserzioni basate sul nulla, si afferma in modo incontrovertibile che i vaccini sono innocui. Tuttavia, se il microbiota intestinale influenza il sistema immunitario, a tal punto da innescare autoimmunità, perché un vaccino, che per sua natura agisce proprio sul sistema immunitario, non può causare disregolazioni con effetti devastanti anche sul Sistema Nervoso Centrale?

Il Dr. Andrew Wakefield e collaboratori avevano di fatto trovato la risposta, prima di tutti, nel 1998 ma le esigenze del business farmaceutico hanno fatto sì che si dovesse cercare un colpevole che, ora possiamo scriverlo senza alcuna paura, è da sempre “innocente“.

Riproduzione riservata ©

Annunci

News in Pictures

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: