Advertisements

Chi ha paura del film VAXXED ?

Ieri, in due cinema romani, c’è stata la proiezione in prima europea del contestato film VAXXED: una promossa dal Codacons e dalla società di distribuzione Wanted Cinema per giornalisti, medici ed esponenti delle isitituzioni, e l’altra aperta al pubblico.

Il film, sostenuto anche da Robert De Niro, costretto tuttavia a ritirarlo dal Tribeca Film Festival, è stato mostrato per la prima volta ai giornalisti, ma l’evento, a differenza della grande premiere USA dello scorso 1 aprile, come hanno reso noto gli organizzatori, è stato disertato da medici [alcuni timorosi per le ripercussioni , altri palesemente collusi alle Big Pharma] ed esponenti delle istituzioni, invitati per un dibattito sul tema. Infondo, come scrive un Signor “nessuno”: il vaccino non è un’opinione … Il vaccino è un business!

Il film, che riporta testimonianze di medici, politici, genitori e anche del Nobel per la Medicina Luc Montagnier, sarà ora in tour in varie sale italiane … Politica e malaffare permettendo.

Ricordiamo che il film rappresenta un potente atto di accusa contro i Centri per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie [CDC] statunitensi, che erano a conoscenza del legame tra il vaccino MPR [contro morbillo, parotite e rosolia], utilizzato negli USA, e l’insorgenza dell’autismo sin dagli anni 2000, ma hanno nascosto e distrutto i dati a conferma di ciò. E’ interessante sapere che, da allora, tutti gli studi prodotti dai CDC statunitensi sono a firma di Frank DeStefano, ovvero un perfetto criminale allineato al sistema corrotto delle vaccinazioni.

Contrariamente a quanto scrivono taluni pennivendoli “non è un film contro i vaccini”, bensì a totale favore dei vaccini di cui sia provata effettiva efficacia e sicurezza. E così, come appare evidente dal film, non è il caso del vaccino trivalente MPR: il più grande scandalo della medicina.

Nel 1998 il team di medici del Royal Free Hospital di Londra, diretto dal Prof. Walker-Smith, aveva evidenziato tale ipotesi e aveva chiesto ai CDC di promuovere ulteriori ricerche. Ma il CDC, che ha avviato uno studio in proposito, ha poi nascosto e distrutto i dati emergenti a sostegno di tale ipotesi.

Questa tesi è sostenuta non solo dal medico più vessato dalle Big Pharma e dai suoi lacché, Dr. Andrew Wakefield, che era membro effettivo del team di medici del Royal Free Hospital di Londra, ma è raccontata apertamente dal “personaggio principale” del film: ovvero, Dr. William Thompson, scienziato dello stesso CDC, tra i primi autori dello studio manipolato in questione.

Il Dr. William Thompson rivela in prima persona, attraverso percorsi legislativi di accesso agli atti federali, in telefonate registrate a sua insaputa, e rese pubbliche nel film, che il CDC

nascose, distrusse ed omise i dati che confermavano il legame tra vaccinazione MPR e autismo

commettendo in pratica una FRODE nello studio finale pubblicato nel 2004 sulla rivista Pediatrics.

Una vicenda estremamente grave, per le implicazioni sulla salute pubblica, giunta anche al Congresso USA, il cui membro e Deputato repubblicano, Bill Posey, in data 29 luglio 2015, chiese che Thompson venisse ascoltato.

Thompson però, che lavora tutt’ora presso i CDC, ad oggi, non è mai stato convocato.

Dati gravissimi“, quelli nascosti, che evidenziavano un aumento esponenziale dei casi di autismo correlati al vaccino, soprattutto tra i bambini afro-americani, ma anche in un gruppo totalmente nuovo di bambini denominato “autismo isolato“, ovvero qualunque bambino nato sano al mondo.

La tesi dello studio promosso dai medici del Royal Free Hospital di Londra, basato anche sulle testimonianze di tantissimi genitori, pubblicato da The Lancet nel 1998, e poi ritirato per ragioni contestate, ipotizzava un probabile legame tra autismo, disturbi intestinali, e l’effetto combinato derivato dal vaccino trivalente MPR somministrato in un’età precoce, tra 12 e 18 mesi.

Da qui, all’epoca dei fatti, il team del Royal Free Hospital propose di effettuare le tre vaccinazioni separatamente in singole dosi. Il problema però, è che dopo tale proposta non è mai stato più possibile reperire sul mercato i vaccini monovalenti, a causa delle forti pressioni politiche a favore del programma di vaccinazione trivalente, e non è più stato condotto alcuno studio di sicurezza.

Infatti, dietro tutto ciò, vi sono enormi interessi economici: negli USA l’azienda produttrice del vaccino trivalente MPR, la Merck, ne detiene il brevetto. Se passasse alla somministrazione a singole dosi, l’azienda perderebbe il suo monopolio con un gigantesco danno economico.

Un atto d’accusa è rivolto anche ai media USA che, come la maggior parte di quelli italiani, sono “di proprietà” delle aziende farmaceutiche, e quando qualcuno va contro questo sistema, diventa facile bersaglio della macchina del fango azionata da Professori Universitari.

Tra questi, qui in Italia, c’è anche una nota star mediatica boriosa che, attraverso la società da lui ideata, prevede il conseguimento di un provento a titolo definitivo [“up-front”] già a partire dal 2019, a cui seguiranno proventi soggetti al buon esito delle Fasi cliniche 1 e 2 [“milestones”] dei suoi brevetti venduti a Big Pharma, oltre che ricche percentuali sulle vendite nette di ogni farmaco [“royalties”].

Anche per questo, il film VAXXED fa paura a coloro che preferiscono mantenere il pubblico nell’ignoranza al solo scopo di mercanteggiare sulla salute delle persone: bambini in particolare.

Forse non è un caso che il documentario è stato inviato oggi stesso dal Codacons all’Autorità Anticorruzione e alla Procura della Repubblica di Torino, che già indaga sul vaccino esavalente e sui perché in Italia le famiglie non abbiano alcuna libertà di scelta e non possano somministrare i singoli vaccini ai propri figli limitandosi ai solo quattro vaccini obbligatori.

Riproduzione riservata ©

Advertisements

News in Pictures

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: