Annunci

Vaccini: imbarazzante campagna elettorale sulla pelle dei cittadini

Ieri è emerso palesemente come la questione vaccini è ormai strumentalizzata da tutte le forze politiche [nessuna esclusa] ai fini di campagna elettorale.

La Ministra Lorenzin conduce campagna elettorale per se stessa, dichiarando che è pronto un testo di legge che prevede l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’accesso alla scuola dell’obbligo con un ampliamento delle vaccinazioni obbligatorie indicate dal nostro ministero e il superamento della dicotomia tra vaccinazioni obbligatorie e raccomandate. Il Governo tenta di bloccare sul nascere pericolose fughe in avanti della Lorenzin che potrebbero ampliare diatribe intestine e fastidiosi scossoni. E la Ministra dell’Istruzione Fedeli avrebbe opposto la necessità di tutelare – oltre alla salute – l’altro diritto costituzionale all’istruzione.

Insomma, la discussione è così accesa e schizofrenica che i politici che si occupano di sanità pubblica tendono a concentrare gli sforzi su questo problema, talvolta con demagogia e talvolta sulla base di errata informazione, anche distogliendo l’attenzione da altre pratiche di prevenzione ancora molto efficaci e dall’estremo bisogno, in materia, di una ricerca paziente e sistematica dei dati epidemiologici e dei nuovi sistemi diagnostici.

Infatti, ad oggi, è un dato di fatto che ancora non disponiamo dei dati AIFA sulle reazioni avverse dal 2013 in poi, una situazione a dir poco grave ed ambigua nel momento in cui si vuole proporre la coercizione vaccinale in netto contrasto con tutto il resto d’Europa.

Così, coloro che, come noi, svolgono una professione sanitaria si trovano improvvisamente catapultati sul “fronte” e il proprio ruolo professionale, così delicato e importante, oscilla tra quello di un funzionario dello Stato e quello di un consigliere del proprio paziente.

Al contrario del solito Professore dall’insulto mediatico facile e totalmente a  “senso unico”, di fatto, esistono poche certezze scientifiche che possano dirimere tutti i dubbi su tutti i vaccini e che possano contribuire a dettare delle “regole” basate su evidenze incontrovertibili.

Gli argomenti da prendere in considerazione nella realizzazione di Leggi di salute pubblica, che riguardano in gran parte la loro efficacia per la tutela della stessa, sono molteplici e non sempre conciliabili. Va segnalato, per esempio, che nella regione Veneto l’abolizione dell’obbligo vaccinale, accompagnato da una campagna di sensibilizzazione dell’opinine pubblica, ha ben funzionato e, a distanza di oltre 10 anni, non è ricomparsa nessuna epidemia.

Tuttavia, in questi ultimi mesi abbiamo assistito agli allarmismi più assurdi veicolati da parte di funzionari delle Istituzioni sanitarie allo scopo di “arginare il pericoloso ritorno di malattie infettive dimenticate dovuto al calo delle coperture vaccinali”.

A parte il fatto che non si capisce quale sarebbe il “pericoloso ritorno” [che non esiste] né di quali “malattie dimenticate” stanno parlando, va sottolineato che questo slogan dato in pasto agli igienisti è stato proposto in un simposio inserito nel congresso SItI denominato “SPMSD”, ovvero “Sanofi Pasteur MSD” [produttore di numerosissimi vaccini].

In altre occasioni, è stato addirittura dichiarato:

«Ci aspettiamo, anche in Italia, i primi casi di poliomielite e difterite, dovuti al calo delle vaccinazioni […] I batteri circolano ed essendoci migliaia di bambini non protetti contro poliomielite, difterite, tetano, morbillo, parotite, rosolia è ovvio che ci saranno, oltre ai casi che noi normalmente conosciamo, nuove infezioni».

A proposito di questo minestrone, che certo non tranquillizza l’opinione pubblica, va sottolineato che secondo i recenti criteri di epidemiologia e di medicina basata sulle evidenze, ciò che “ci si aspetta” andrebbe dimostrato o smentito da uno studio adeguato e ciò che è “ovvio” o “semplicemente probabile” non necessariamente è anche vero nella realtà. Pertanto, dovrebbe essere utilizzata maggior prudenza nelle dichiarazioni pubbliche soprattutto se chi parla non esprime un’opinione personale come tante altre, ma rappresenta una Istituzione sanitaria.

Di fatto, non vi è alcuna evidenza che siano comparsi casi di poliomielite e/o di difterite, in numero superiore alle attese. Né si registra alcun pericolo per la salute pubblica per altre malattie menzionate per le quali, al massimo, si sono verificati pochissimi casi in persone non vaccinate e [per la parotite e recentemente la meningite e il morbillo] anche in persone vaccinate.

Se da una parte è chiaro che internet permette la diffusione di notizie allarmistiche e non controllate, destano ancor più perplessità le dichiarazioni di persone che dovrebbero essere competenti ed invece non leggono i dati e dimostrano di non studiare abbastanza [politici, amministratori delegati delle industrie del farmaco, rappresentanti di Farmindustria, professori molto attivi su Facebook ma totalmente assenti dalle corsie degli ospedali].

L’allarmismo sul morbillo va sempre di moda

Il Center for Disease Control [CDC] degli Stati Uniti, quello della frode sulla questione autismo e vaccinazioni di cui parla il film Vaxxed, ha scelto proprio il morbillo come “indicatore” della bontà delle strategie vaccinali per un progetto della durata di cinque anni. L’obiettivo è di raggiungere una copertura di almeno il 90% di bambini vaccinati entro i quindici mesi di vita.

E’ curioso il fatto che le nazioni considerate “leading” di tale progetto – in cui sono in ballo parecchi quattrini – siano l’Italia e il Portogallo, con il “contributo” di altre come India, Pakistan, Corea, Arabia Saudita, Yemen.

Per raggiungere tale obiettivo le nazioni dovranno:
  1. Condurre immunizzazioni di routine
  2. Stabilire attività che colmano i difetti del sistema di vaccinazione
  3. Implementare la sorveglianza
  4. Implementare le campagne di comunicazione
  5. Studiare il morbillo e le altre epidemie occasionali
  6. Migliorare i laboratori diagnostici
  7. Rafforzare la capacità di risposta alle epidemie e dissolvere le “barriere” alla vaccinazione
  8. Raggiungere e documentare la capacità di produrre sufficienti vaccini
  9. Raggiungere e documentare la capcità di iniezioni sicure
  10. Raggiungere e documentare la vaccinazione dei lavoratori della sanità

Probabilmente queste raccomandazioni hanno ispirato il nuovo piano nazionale dei vaccini, che ha aumentato molto gli investimenti in tale settore.

Ecco quindi che dopo l’epidemia farlocca di meningite, in cui il patogeno era di fatto il giornalista, dall’inizio dell’anno è un continuo rimbalzare di notizie sul fatto che è tornato il morbillo a causa del calo delle vaccinazioni, o peggio ancora dei movimenti anti-vaccino.

In realtà, il morbillo non è mai scomparso perché è una malattia ciclica e quindi non può “tornare”. Che poi lo portino i movimenti anti-vaccino è tutto da dimostrare: la permanenza del virus nell’ambiente può essere legata anche alla scarsa durata dell’ipotetica protezione indotta dai vaccini. A questo proposito abbiamo pubblicato parecchio materiale al capitolo dedicato al vaccino contro il morbillo, dimostrando l’esistenza delle fallanze vaccinali in letteratura scientifica e di numerosi casi di epidemie di morbillo in popolazioni altamente vaccinate.

Qualche kamikaze da tastiera si è spinto anche oltre nelle sue affermazioni allarmistiche scrivendo che

L’Italia è il secondo peggior Paese europeo per diffusione del contagio. Il peggiore, l’unico che ci batte in negativo, è la Romania.

Ecco. Questo rappresenta il tipico esempio di allarmismo da ignoranti. Evitiamo di scrivervi la fonte per pietà nei confronti di un medicunzolo di provincia della zona di Ancona. Sta di fatto che il morbillo è malattia che può dare piccole epidemie e non ha senso citare paragoni tra Paesi europei con differenti calendari vaccinali.

I dati ECDC europei  riportano vari casi di morbillo in Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Spagna, Svezia e Romania. In nessuna di queste nazioni è in atto la cagnara a cui assistiamo quotidianamente nel nostro Paese.

Curioso poi che si segnalino addirittura 5000 casi in Romania, omettendo di scrivere che questo polpettone di numeri parte dal mese di settembre 2016 per arrivare ad oggi.

Questo tipo di messaggio ricorda molto i casi di meningite riportati dai mass media ogni giorno, durante i mesi di gennaio e febbraio. Finita la meningite, ora stiamo ballando il valzer del morbillo. Per fortuna è meno grave, ma ovviamente non ve lo dicono.

Un’altra situazione che non vi dicono è che mentre in assenza di vaccinazione si ammalavano maggiormente i bambini, ora con la vaccinazione [entrata in vigore sistematicamente negli anni ’90] compaiono molti più casi in persone adulte, visto che gran parte degli adulti non sono vaccinati [però l’obbligo vaccinale lo vogliono introdurre a danno dei poveri bambini].

Inoltre, l’aumento di età del morbillo, e la comparsa in giovani adulti, è dovuto al fatto che la tanto decantata protezione del vaccino decade più velocemente di quella immunità conferita dalla malattia naturale.

Viene quindi da chiedersi quali potrebbero essere le ragioni per cui negli ultimi tempi si stanno diffondendo allarmi ingiustificati e la moda di sparare a zero contro chi sceglie di non vaccinarsi.

Chi è il suggeritore della Lorenzin?

La disinformazione sul delicato argomento delle vaccinazioni sta minando alla base il principio di sicurezza dei cittadini e persino la fiducia nelle Istituzioni. Ciò è più grave se le dichiarazioni, vere o talvolta distorte, vengono da persone che per la loro veste istituzionale sarebbero tenute ad una massima obiettività.

A “Porta a Porta” del 22/10/2014 al minuto 36:22 la Ministra Beatrice Lorenzin dichiara che “solo di morbillo a Londra, cioè in Inghilterra, lo scorso anno [quindi nel 2013] sono morti 270 bambini per una epidemia di morbillo molto grave”. Dati ufficiali del Governo Inglese: nel 2013, di morbillo si è registrato 1 decesso, di un uomo di 25 anni, dopo la polmonite acuta come complicanza del morbillo a seguito di malpractice sanitaria. Da notare che i test per stabilire se la causa del decesso fosse il virus non hanno dato alcun esito.

A “Piazza Pulita” del 22/10/2015 [esattamente un anno dopo] al minuto 5:57  la Ministra Beatrice Lorenzin dichiara: “Di morbillo si muore, in Europa! … c’è stata una epidemia di morbillo a Londra lo scorso anno [quindi nel 2014], sono morti più di 200 bambini…”. Dati ufficiali: nel 2014 nessun decesso. Da 25 anni a questa parte i decessi per morbillo nel Regno unito sono oscillati tra 0 a massimo 4. Come anche in Italia.

21 luglio 2016, a seguito d’intervista, la Ministra Lorenzin risponde: «…… In Gran Bretagna tre anni fa c’è stata una epidemia di morbillo – dovuta proprio al fatto che molti avevano rinunciato al vaccino – che ha causato la morte di centinaia di persone. Per correre ai ripari è stato varato un piano di emergenza e di prevenzione costato centinaia di milioni di euro».

Orbene, in tutte le interviste la nostra Ministra appare tanto convinta di quello che dice da indurre a pensare che sia in buona fede, quindi non resta che pensare si sia trattato di un involontario errore di esagerazione o di segnalazione.

Quel che però lascia perplessi è il fatto che tale “fake-news ministeriale“, totalmente priva di ogni fondamento e certo procuratrice di allarme nella popolazione, ripetuta per tre anni di seguito, non sia mai stata smentita, né dalla FNOMCeO, né dalla Società Italiana di Pediatria, né dal sito VaccinarSì, né da alcun Ente preposto all’informazione sanitaria.

Un’altra “chicca” della Sig.ra Lorenzin è quella per cui il 17 maggio 2016, nel corso di un acceso dibattito avrebbe dichiarato che non c’è cura per la pertosse e si deve solo confidare nel sistema immunitario. Forse da un Ministro della Salute, anche senza laurea in medicina, ci si potrebbe aspettare che conosca l’esistenza degli antibiotici. Speriamo che qualcuno possa informare la Ministra, perché questa confusione non può non pesare sul lavoro dei medici a confronto con i pazienti e i cittadini su delicati temi come la scelta vaccinale.

Infatti, viene da immaginare se un medico, interpellato da un suo paziente che abbia assistito alle trasmissioni o letto le interviste, abbia il diritto di smentire l’opinione della Ministra senza il timore di incorrere nella radiazione politica a tavolino.

Questo tipo di discussioni sulla Sanità hanno poco a che fare con l’efficacia dei vaccini, semmai hanno a che fare con la poltrona di potere che si occupa e con accordi che nascondono sempre un dare e un avere.

Riproduzione riservata ©

Annunci

News in Pictures

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: