CORONAVIRUS: numeri reali o numeri nascosti?

Ieri, il quotidiano di Taiwan, Taiwan News , ha pubblicato una notizia molto particolare e preoccupante.

Il nome Tencent, ai più, non dirà molto, eppure questa società d’investimento cinese ha un valore ancor più elevato di Facebook ed è tra i primi cinque colossi al mondo per fatturato. Il suo segreto? Senza dubbio, l’applicazione di messaggistica WeChat, che nel mercato asiatico è più usata di WhatsApp.

Orbene, il portale cinese Tencent ha presentato in tempo reale le informazioni delle persone infette, delle guarigioni e dei decessi per il Coronavirus. In almeno tre occasioni sono comparsi dei dati molto superiori – sia nel numero dei contagiati sia in quello dei decessi – per poi venir subito corretti.

I redattori del quotidiano Taiwan News sono riusciti ad acquisire alcuni screenshot per documentare questo fenomeno bizzarro. Nel loro articolo troverete un primo screenshot del contatore di Tencent, acquisito nella serata di sabato primo febbraio.

Il primo numero, quello dei contagiati, è 154023;
il secondo numero, quello dei casi sospetti, è 79808;
il terzo numero, quello delle guarigioni, è 269;
il quarto numero, quello dei decessi, è 24589.

A seguire, sempre nell’articolo, troverete la comparazione con lo stesso contatore pubblicato il giorno dopo.


Nel secondo caso, i numeri sono quasi allineati alle rilevazioni ufficiali.

Si può pensare ad un “Fat Finger”, ovvero la cosiddetta sindrome da “dito grasso“, quando per errore si digitano cifre abnormi e bizzarre [per esempio, questo fenomeno è ben conosciuto agli operatori finanziari perchè può letteralmente mandare in tilt i mercati]. Oppure è ipotizzabile pensare ad un errore umano nel ricopiare i numeri.

Tuttavia, questo fatto è successo più volte lasciando spazio a molti interrogativi. Inoltre, quando i dati vengono pubblicati, è visibile la comparazione con i numeri del giorno precedente [la scritta in piccolo in alto a sinistra sopra al numero principale] che è coerente con il numero stesso.

Se è un “Fat Finger” lo è con metodo ….. più che scientifico! Ciò significa che esiste un database sottostante che tiene traccia dei numeri giornalieri e viene utilizzato per calcolare le differenze quotidiane. Allo stesso modo, per esempio, c’è un numero al di sopra del numero di infezioni di 154.023 che spiega “+20979”. Ciò indica l’aumento giornaliero rispetto al giorno precedente.

Così, a questo punto, le possibilità sono diverse. Alcuni ritengono che Tencent sia in possesso di due set di dati e che, per un errore, un set sia stato pubblicato inavvertitamente. Altri invece ritengono che questi artefatti rappresentano una strategia “ad hoc” per creare confusione in Cina, e non solo, e contribuire a seminare ulteriore panico.

Fatto sta che questi numeri vengono chiaramente calcolati automaticamente, perché se l’errore umano fosse la causa della digitazione di numeri errati che rappresentano infezioni e decessi, sarebbe estremamente improbabile che due altri errori di battitura compaiano casualmente sopra quei numeri, mostrando poi accidentalmente aumenti quotidiani che sono coerenti con una seconda serie di numeri memorizzati in parallelo.

Al momento, secondo i numeri ufficiali della Cina continentale, che vengono aggiornati quotidianamente su siti web come News.QQ.com , l’attuale numero di infezioni da Coronavirus è inferiore a 30.000.

Tenendo conto che il fenomeno sembra espandersi all’incirca al 20% ogni 24 ore, il che rappresenta un raddoppio delle infezioni ogni 3,5 giorni [perché la crescita è aggravata], temiamo di essere di fronte a una prova molto forte che il governo cinese è in possesso di due serie di numeri relativi all’epidemia di Coronavirus e sta scegliendo di ingannare il pubblico rilasciando numeri che sono all’incirca 10 volte minori rispetto al numero effettivo di contagi e decessi che lo stesso governo cinese ha segretamente registrato.

Come riporta il quotidiano Taiwan News:

Alcuni ipotizzano che un problema di codifica potrebbe causare la visualizzazione accidentale dei dati “interni” reali. Altri credono che qualcuno dietro le quinte stia cercando di camuffare i numeri reali.

Tuttavia, i dati “interni” detenuti da Pechino potrebbero non riflettere la reale portata dell’epidemia. Secondo diverse fonti a Wuhan, molti pazienti affetti da Coronavirus non sono in grado di ricevere cure e muoiono al di fuori degli ospedali.

Una grave carenza di kit per i test sanitari porta anche a un numero inferiore di casi diagnosticati di infezione e decessi. Inoltre, ci sono state molte segnalazioni di medici a cui è stato ordinato di elencare altre cause di decesso invece del Coronavirus per mantenere il bilancio delle vittime artificialmente basso.

Questo ultimo passaggio dell’articolo riflette la storia del coraggioso medico cinese – deceduto in queste ultime ore – che per primo aveva segnalato il problema, ma era stato censurato con metodi tutt’altro che civili.

L’OMS, non a caso, sta lodando la Cina per la sua “trasparenza”, ma in un recente articolo pubblicato dal quotidiano La Verità possiamo solo apprendere quanti imbroglioni e sciocchi lavorano all’OMS.

Sulla base di video, rapporti, informatori, colleghi medici, e giornalisti indipendenti, che fanno capo alla Cina, sembra ormai piuttosto evidente che qualcuno – o qualcosa – sta minimizzando radicalmente il numero reale di contagi e decessi associati al Coronavirus.

 

Riproduzione riservata ©

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...