Annunci

Il 7 e 8 giugno del 2000 si tenne un Meeting segreto di oltre 50 individui del CDC, OMS, NIH, American Academy of Pediatrics con altri rappresentanti delle lobby farmaceutiche per discutere i dati del CDC Vaccine Data Sets che aveva dimostrato come l’aumento di esposizione al mercurio contenuto nei vaccini aveva incrementato di 11 volte il numero dei bambini con disordini neurocomportamentali.

Pertanto, il Memo di Simpsonwood è la trascrizione letterale di tutto ciò che è stato affermato durante questo convegno medico tenutosi nelle vicinanze di Norcross in Georgia.

Il CDC, o Center for Desease Control, è l’organizzazione governativa americana che gestisce la poco invidiabile situazione di aiutare a sviluppare i vaccini, contribuire al loro sviluppo, pagare per la loro somministrazione, essere responsabile per la loro sicurezza, raccogliere e diffondere i dati sul pericolo e sulla diffusione delle malattie: “una volpe a guardia di un pollaio”.

Allarmati dal crescente movimento di protesta contro i potenziali danni da vaccino, il CDC organizzò quindi un convegno “interno”, di consultazione fra esperti, al quale parteciparono più di 50 specialisti di immunologia e tossicologia venuti da ogni parte d’America.

Al centro della discussione furono posti i risultati di una ricerca, il cosiddetto “Verstraeten Study” [pubblicato su Pediatrics solo nel 2004 dopo innumerevoli manipolazioni), che inizialmente suggeriva una diretta correlazione fra vaccini a base di mercurio [Thimerosal] e malattie infantili neurodegenerative [autismo, ritardi nello sviluppo del linguaggio, tic, disturbi neurologici etc. etc.].

Lo studio di Verstraeten era particolarmente interessante poichè aveva preso in esame un totale di ben 110.000 bambini, attingendo le informazioni direttamente dal Safety Datalink, ovvero il database medico nazionale, suddivisi in due HMO: Northern California Kaiser [NCK] e Group Health Cooperative [GHC].

Nacque così un documento dattiloscritto di quasi 300 pagine dove, nei due giorni di convegno, nessuno ha mai affermato l’esistenza certa di un legame fra autismo e vaccini, così come molti partecipanti giudicarono i dati disponibili “non sufficienti a stabilire una diretta correlazione fra mercurio [Thimerosal] e autismo“.

Tuttavia, è proprio dall’imbarazzo generale, dagli incomprensibili giri di parole, dagli innumerevoli tentativi di arrampicarsi sugli specchi, dai continui dubbi espressi – e soprattutto dalle “istruzioni finali” ricevute dai convenuti – che si coglie lo spessore innegabile del conflitto che si veniva a creare fra gli interessi economici dei produttori di farmaci, la necessità di garantire la sicurezza per la salute dei bambini da vaccinare, e la percezione del danno ormai avvenuto in tutta la sua gravità.

[Pag. 40] Dr. Verstraeten: “Abbiamo trovato una relazione statisticamente significativa tra le esposizioni [ai vaccini] e gli esiti [di tipo autistico] per tre diversi tipi di esposizioni ed esiti. Nel primo caso [con la somministrazione] a due mesi di età, c’era un non specificato ritardo nello sviluppo, che ha il suo codice ICD9 specifico. Per l’esposizione a tre mesi, tic nervosi. Per l’esposizione a sei mesi, sindrome da deficit di attenzione. Esposizione a 1, 3 e 6 mesi: ritardi nel linguaggio e nella parola, con due codici ICD9 separati. Esposizione a 1,3 e 6 mesi: tutta la categoria di ritardi nello sviluppo neurologico, che include tutti questi disturbi più un certo numero di altri disturbi“.

[Pag. 42] Dr. Verstraeten: “Una cosa è certa: c’è sicuramente una sottovalutazione [di tutti questi dati] perché alcuni dei bambini semplicemente non sono ancora abbastanza grandi per poterli diagnosticare. Quindi il tasso crudo di incidenza è probabilmente molto più basso di quello che ci si può aspettare, perché la coorte è ancora molto giovane“.

[Pag. 44] Dr. Verstraeten: “Parliamo dei ritardi nell’uso della parola, che è il disturbo più diffuso in questa categoria di ritardi di tipo neurologico. Il test generale del trend è altamente significativo, statisticamente, al di sopra di uno“.

[Pag. 68] Dr. Verstraeten: “Nei nati prematuri il trend è significativo, e troviamo un rischio relativo fino [ai valori] 2 e 3, dove quelli che hanno ricevuto più Timerosal sono più a rischio di quelli che hanno ricevuto il vaccino combinato.

[Pag. 198] Dr. Johnson: “Questa associazione [fra vaccini e sindromi di tipo autistico] mi porta a favorire la raccomandazione che i bambini fino a due anni non vengano inoculati con vaccini contenenti Timerosal, qualora vi siano valide alternative disponibili. Io mi occupo di rapporti di causalità, e mi sembra abbastanza chiaro che i dati non siano sufficienti nè in un senso nè nell’altro. Se volete la mia impressione, la cosa mi preoccupa abbastanza. Chiedo scusa per questo commento personale, ma ho ricevuto una chiamata di emergenza, e mia nuora ha appena avuto un figlio nella sezione-C. E’ il primo maschio in famiglia della prossima generazione, e non voglio che questo mio nipote riceva nessun vaccino con Timerosal finchè non ne sapremo di più. Ci vorrà probabilmente molto tempo. Nel frattempo, e mi rendo conto che vi saranno probabilmente implicazioni a livello internazionale, ma nel frattempo penso che mio nipote debba ricevere solamente vaccini senza Timerosal“.

[Pag. 207] Dr. Weil: “Il numero di associazioni [diagnosi di tipo autistico] dovute alle inoculazioni è lineare, ed è statisticamente significativo. Possiamo girarci intorno finché vogliamo, ma sono lineari. Sono statisticamente significative“.

[Pag. 229] Dr. Brent: “I risultati medico-legali di questa ricerca, che siano di tipo causale o meno, sono orrendi. E’ quindi importante che vengano eseguiti degli studi epidemiologici, farmacocinetici e studi su animali. Se qualcuno sostenesse che questi risultati neuro-comportamentali dei bambini sono causati da vaccini che contengono il Timerosal, si troverebbe subito uno scienziato da due lire pronto a sostenere questa tesi “con un ragionevole grado di certezza”. Ma non troverete di certo un solo scienziato, con un minimo di integrità morale, disposto a sostenere il contrario, di fronte ai dati disponibili. Questa è la verità. Siamo quindi in una brutta posizione, se dovessimo trovarci a difenderci da una qualunque causa in tribunale, e questo mi preoccupa“.

[Pag. 247] Dr. Clements: “Io ho come la sensazione che siamo partiti a tutta velocità con una barca verso un braccio della palude, senza che vi sia stata prima una discussione su quale direzione prendere. Potrò anche offendere qualcuno fra i presenti, ma dico che forse questo studio non andava fatto del tutto, perché il risultato, in una certa misura, era prevedibile, e ora siamo tutti lì senza sapere cosa fare. Questo anche se ho sentito che la maggior parte dei consulenti non si dice convinta di un diretto collegamento causale fra il Timerosal e le varie diagnosi di tipo neurologico. Mi rendo conto che il modo in cui tratteremo la cosa da qui in avanti è estremamente problematico. Ormai siamo arrivati ad un punto che dobbiamo affrontare la questione, e anche se questo comitato decidesse che non vi sono associazioni [fra vaccini e autismo], il lavoro fatto finirà in mani altrui grazie al FOIA, ed il modo in cui sarà usato non è più sotto il controllo di questo gruppo. Io sono molto preoccupato, perché penso che sia ormai troppo tardi per fare qualunque cosa, indipendentemente da quello che possa dire qualunque associazione professionale“.

Questo documento rappresenta l’ammissione indiretta da parte del Governo americano che il Thimerosal ha danneggiato i bambini. Il team aveva calcolato il “rischio relativo” per un certo numero di effetti, basandosi sulla diversa esposizione dei bambini, come affermato da Verstraeten. In altre parole, avevano determinato la probabilità che si verificasse un effetto neurologico a ogni aumento dell’esposizione [0 – 12,5 – 25 – 37,5 – 50 – 62,5 microgrammi ed oltre].

Quello che queste stime suggeriscono è che sembra esserci un trend in aumento, un aumento del rischio per ciascuno di questi effetti neurologici e comportamentali nei bambini con l’esposizione maggiore rispetto ai bambini che hanno ricevuto poco mercurio o addirittura nulla.

I ricercatori dapprima avevano combinato un certo di effetti sotto una categoria generale chiamata “disordini neurologici e dello sviluppo”, che includeva l’autismo, trovando un aumento del rischio a fronte di un aumento dell’esposizione cumulativa a 1 mese, 3 mesi e 6 mesi d’età.

Quando la categoria NDD [Neurological Developmental Disorders – disturbi generalizzati dello sviluppo neurologico] è poi stata divisa in effetti individuali, il team aveva trovato ancora una relazione statisticamente significativa tra i sintomi e l’esposizione a 3 mesi.

Per l’ADD [Attention Deficit Disorder – disturbo dell’attenzione] una relazione era stata trovata con l’esposizione a 6 mesi; per i ritardi del linguaggio la relazione era stata trovata a 1, 3 e 6 mesi; e per i “ritardi non specificati” la correlazione era stata trovata con l’esposizione a 2 e 3 mesi.

Molti degli aumenti di rischio erano solo moderatamente elevati, ma il trend era inequivocabile e molti risultati erano statisticamente significativi.

IMG_0001L’aumento del rischio per il disordine neurologico e dello sviluppo per ogni microgrammo di esposizione a 3 mesi era calcolato in 1,007, cioè in un trend dello 0,7% di aumento del rischio per microgrammo. Come Verstraeten spiegò, se si va da 12,5 a 62,5 microgrammi di esposizione cumulativa al mercurio nei primi 6 mesi di vita, allora ci sarebbe un aumento di 50 microgrammi. Noi dobbiamo moltiplicare questo numero [1,007 o lo 0,7%] per 50 e questo starà a significare un rischio relativo dell’1,35 per questa categoria.

In altre parole, i bambini esposti a 62,5 microgrammi avevano il 35% di possibilità in più di sviluppare un disordine dello sviluppo e neurologico rispetto ai bambini esposti a 12,5 microgrammi.

Il rischio elevato di 1,64 era considerato statisticamente significativo perché il margine d’errore [il 95% di intervallo di fiducia] rimaneva sopra un rischio di 1,0.

Quando il team aveva suddiviso la categoria generale NDD in effetti individuali, aveva trovato quanto di seguito illustrato.

Per il disordine da deficit dell’attenzione [ADD], aveva trovato una risposta statisticamente significativa dose-dipendente per l’esposizione a 6 mesi d’età. L’aumento di rischio relativo per ogni microgrammo di etilmercurio era 1,006 o lo 0,6%. Quindi un bambino che aveva ricevuto 62,5 microgrammi dai 6 mesi di età aveva il 30% di possibilità in più [RR 1:30] di sviluppare ADD rispetto a un bambino che aveva ricevuto 12,5 microgrammi [perché lo 0,6% moltiplicato per 50 microgrammi genera il risultato di 0,30].

IMG_0002Allo stesso modo, un aumento del rischio statisticamente significativo per i disordini del linguaggio era stato trovato a 1 mese [RR 1,019 o un trend dell’1,9% per microgrammo], a 3 mesi [RR 1,021 o 2,1% per microgrammo], a 6 mesi di età [RR 1,006 o 0,6% per microgrammo].

Il risultato a tre mesi di esposizione era piuttosto allarmante.

Usando gli stessi esempi della differenziazione con 50 microgrammi, i bambini che avevano ricevuto 62,5 microgrammi di etilmercurio da 3 mesi d’età, confrontati con i bambini che ne avevano ricevuti 12,5, avevano un rischio elevato di 2,10, cioè avevano il 110% di possibilità di sviluppare disordini del linguaggio.

Un aumento del rischio per microgrammo di esposizione era stato anche trovato per il ritardo della parola: a 1 mese [RR 1,011], a 3 mesi [RR 1,008], a 6 mesi [RR 1,002]; ritardi non specificati a 2 mesi [RR 1,005], a 3 mesi [RR 1,007]; tic a 3 mesi [RR 1,021].

Alcuni di questi sono al limite in maniera significativa e per alcuni di loro la statistica è veramente molto significativa.

IMG_0003Per l’AUTISMO, il rischio relativo a 3 mesi di età nel gruppo a più alta esposizione era stato calcolato in 1,69, cioè questi bambini avevano il 69% di possibilità in più di sviluppare l’autismo rispetto al livello base che in questo caso erano i bambini che avevano ricevuto meno di 37,5 microgrammi di mercurio.

I dati però non erano statisticamente significativi perché il margine di errore [95% di intervallo di fiducia] scendeva al di sotto del rischio 1,0, il che significava che i risultati avrebbero potuto anche essere dovuti al caso.

Il team dei CDC aveva condotto un segmento di fase II di questo studio. Avevano raccolto dati da un terzo HMO al di fuori del sistema Vaccine Safety Datalink, l’Harvard Pilgrim in Massachusetts. Gli studiosi volevano vedere se le loro scoperte nei primi due HMO potevano essere riprodotte in un terzo. Le analisi di questi dati effettuate utilizzando gli stessi metodi del primo studio non hanno confermato i risultati visti nella prima fase.

Anche se i CDC non avevano ripetuto le scoperte nell’HMO Harvard Pilgrim e anche se non avevano potuto dimostrare un legame definitivo con l’autismo, il fatto che avessero associato il Thimerosal con altri disordini neurologici non aveva precedenti nella storia della medicina ed equivaleva ad una chiara ammissione del danno procurato.

Il gruppo di lavoro ha espresso impressione unanime secondo cui le scoperte sostengono una associazione statisticamente significativa, sebbene fievole, ma le implicazioni, per ovvie ragioni, sono profonde.

Da questo primo pezzo di evidenza scientifica ufficiale è nata la prova del danno che, ad oggi e dopo numerosi studi rigorosi, non è più possibile nascondere.

Non c’è più alcun dubbio che i vaccini possono causare l’Autismo e i genitori hanno ragione quando raccontano la loro storia: i governi devono smettere di giocare con le parole, mentre sempre più bambini continuano ad essere danneggiati.

29 luglio 2015

Annunci

11 Commenti

  1. ciao a tutti, quello che mi sembra di non aver letto in merito all’argomento, riguarda la collusione della commissione sulla sicurezza dei farmaci del dipartimento della salute britannico è che 15 dei 36 componenti che la compongono hanno dichiarato di avere legami con le ditte farmaceutiche chiamate in causa, 6 di loro ricevevano fondi dalla grado smith&Kline, 9 ricevevano compensi da altre ditte. Tra i 20 componenti della commissione per le vaccinazioni,altro organismo governativo,2 erano consulenti della stessa glaxo,6 di altre aziende. comunque mi permetto di dire, anche se il problema autismo è molto sentito, ci sono molte altre patologie legate all’uso di vaccini come antipolio,pertosse,antimeningite,anti influenzale, e antivaiolosa virus.
    consiglio di leggere il libro scritto da EUGENIO Serravalle sull’argomento,
    e per capire l’inutilità delle vaccinazioni , un buon libro sulla storia terapeutica dell’argento colloidale. salute a tutti.

  2. I risultati degli studi scientifici dicono esattamente l’opposto in quanto sono stati manipolati
    , e l’evidenza della manipolazione è esposta dallo stesso Thomas Verstraeten.

    Almeno 15 anni fa, ai CDC, è stato originariamente riconosciuto che i vaccini causano autismo secondo i risultati di una propria ricerca riguardante il Thimerosal. I ricercatori dei CDC avevano anche preparato un estratto scientifico formale, con risultati simili, in una precedente analisi che intendevano presentare al convegno del Servizio di Epidemiologia dei CDC nel 2000.

    Consigliamo nuovamente ai Signori utenti di non avventurarsi in commenti superficiali; soprattutto quando si è privi di riferimenti documentati.

    Cordailità

  3. Non sono d’accordo. I risultati degli studi scientifici dicono esattamente l’opposto di quanto sostenuto su questo articolo

  4. Dedichiamo questo nostro commento ai temerari della contestazione.

    Tra il febbraio 2000 e il novembre 2003 Thomas Verstraeten, in collaborazione con i suoi supervisori del National Immunization Program, ha prodotto quattro generazioni distinte di analisi volte a valutare l’impatto delle esposizioni al mercurio dei vaccini sui disturbi dello sviluppo neurologico nei bambini. Per ogni coorte di generazione, i rischi elevati e statisticamente significativi sono stati ridotti e / o eliminati.
    Infatti, prima che fossero prodotti i risultati riferiti a queste quattro coorti di generazioni, Verstraeten condusse una precedente analisi di questi temi tra novembre e dicembre del 1999. Egli non ha mai preparato né pubblicato una relazione formale di questo lavoro, ma le tabelle statistiche ottenute
    tramite nostre fonti statunitensi attraverso un FOIA [Freedom of Information Act] dimostrano ampi effetti statisticamente significativi di esposizione al mercurio che in molti casi ha superato l’evidenza delle relazioni successive.
    Questa sua analisi seguiva una metodologia molto semplice, priva delle influenze e dei pregiudizi applicati più tardi, ed era molto più sensibile nell’individuare gli effetti dell’esposizione al mercurio rispetto ai lavori successivi.

    Qualsiasi analisi epidemiologica sulla popolazione coinvolge numerose scelte “sottili” di design e comunicazione, tra cui:

    1. criteri di inclusione per la popolazione in studio
    2. misure di esposizione e punti di rottura per la segnalazione di esposizione
    3. criteri per l’individuazione dei casi all’interno di categorie diagnostiche distinte
    4. livelli di esposizione referenti ai fini del calcolo del rischio relativo
    5. modelli statistici di rischio [regressione tecniche, stratificazione e fattori confondenti, ecc], follow up nel tempo, qualità delle misure di adattamento, ecc ecc

    Le autorità di vigilanza che propongono studi epidemiologici sulla popolazione si avvalgono di ampi poteri discrezionali per pilotare i risultati che scelgono di denunciare, a seconda se sono interessati nel riportare un risultato positivo o negativo. Nelle loro parole e azioni, Verstraeten e i suoi collaboratori hanno dimostrato chiari pregiudizi nel riferire i risultati positivi ed hanno messo in pratica numerose scelte deliberate che hanno avuto risultati positivi in una sola direzione, ovvero verso l’insignificanza.

    Questo modello di comportamento costituisce un illecito che non dovrebbe essere consentito nel campo della salute pubblica.

    Infine, il Dr. Thomas Verstraeten, ha lavorato per il CDC fino a quando ha lasciato il proprio incarico per lavorare in Belgio alle dipendenze della GlaxoSmithKline, già ampiamente esposto alle sue responsabilità in questo nostro sito. In violazione delle proprie norme di condotta, nello studio pubblicato da Verstraeten sulla rivista Pediatrics non è stato riportato questo insignificante conflitto d’interessi [lol!!!] e viene identificato erroneamente come dipendente del CDC.

    Le frodi in campo sanitario sono ricorrenti e minano irreversibilmente la credibilità del sistema vaccinazioni.

    Convivialité

  5. Gentile lettrice,
    possiamo contare su ottime fonti giornalistiche indipendenti che hanno davvero a cuore la corretta informazione a favore dei cittadini, così come possiamo contare su ottime figure professionali che hanno altrettanto a cuore la salute dei bambini.

    Cordialmente, ringraziamo per la visita.

  6. Domanda: se la versione pubblicata di questo studio è solo quella manipolata che riporta le conclusioni opposte a quelle qui pubblicate, voi come siete venuti in possesso della versione originale?

  7. Facciamo notare che sarebbe auspicabile leggere quanto abbiamo scritto

    Al centro della discussione furono posti i risultati di una ricerca, il cosiddetto “Verstraeten Study” [pubblicato su Pediatrics solo nel 2004 dopo innumerevoli manipolazioni), che suggeriva una diretta correlazione fra vaccini a base di mercurio [Thimerosal] e malattie infantili neurodegenerative [autismo, ritardi nello sviluppo del linguaggio, tic, disturbi neurologici etc. etc.].

    Le manipolazioni hanno ovviamente portato alla conclusione opposta a quanto invece emerso 4 anni prima durante il meeting Simpsonwood: la storia si ripete!

    Cordialità

  8. Faccio notare a tutti i lettori che lo studio di Verstraeten qui richiamato, trae delle conclusioni assolutamente opposte a quanto è sostenuto in questa pagina. Cito dalle conlcusioni:
    “No consistent significant associations were found between TCVs and neurodevelopmental outcomes.”